L'uomo sente "l'odore" delle malattie: i campanelli d'allarme

Un nuovo studio sostiene che gli odori ci dicono molto di più di quanto pensiamo: è stato pubblicato nella rivista Proceedings of the National Academy

La notizia non coglierà impreparati i più attenti al tema: secondo quanto rilevato dagli studi condotti dal Karolinska Institutet, in Svezia, contro le malattie uno dei campanelli d’allarme è l’odore. Attraverso l’olfatto siamo in grado di comprendere se il nostro interlocutore non sta bene e metterci in salvo grazie alle virtuose difese olfattive.

I ricercatori hanno chiesto a un gruppo di 22 persone il permesso di iniettare nel loro corpo un batterio innocuo, capace di attivare una risposta immunitaria. Un secondo gruppo altrettanto numeroso ha ricevuto invece l’iniezione di un placebo. I soggetti che si sono prestati si sono quindi prestati anche a fornire un campione del loro “odore“.

Altri volontari sono state chiamate a guardare le foto delle persone “finte malate” (con il batterio o il placebo in corpo) e ad annusare i loro odori mentre si sottoponevano a risonanza magnetica funzionale.

Come si comporta il cervello degli annusatori? Il nostro encefalo si attiva, in particolare, in risposta agli odori di persone con il sistema immunitario alterato dal batterio.

La conclusione a cui i ricercatori, capeggiati da Mats Olsson, sono giunti è dunque la seguente: in termini semplici, l’esperimento suggerisce che nel corso dell’evoluzione l’essere umano abbia sviluppato anche questa inconsapevole forma di difesa per evitare contagi indesiderati sviluppando la capacità di captare odori molesti, percepiti come “pericolosi”.

“Il nostro studio mostra una significativa differenza nel modo in cui le persone tendono a preferire ed essere più disposti a socializzare con persone sane rispetto a quelli che sono malati e il cui sistema immunitario ci artificialmente attivato” dice il professor Olsson. “Possiamo anche vedere che il cervello è bravo a decifrare l’aggiunta di segnali deboli provenienti da più sensi relativi allo stato di una persona di salute”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti