Imperdibili

L'Uruguay vive interamente solo di energie rinnovabili

In Uruguay le energie rinnovabili hanno soddisfatto la domanda di un intero giorno. L'Uruguay ecosostenibile al cento per cento è un obiettivo del governo di Montevideo

In Uruguay energie rinnovabili da record. Il paese sudamericano è infatti la prima nazione al mondo ad essere stata alimentata al 100% da energie rinnovabili, anche se (soltanto) per ventiquattro ore. In questa epocale giornata l’energia è stata prodotta per il 70,5% dalle centrali idroelettriche, per il 21,1% da campi di produzione di energia eolica, per l’8% da impianti a biomasse e per la restante parte da impianti ad energia solare . Lo storico risultato, però, è solo una tappa verso un futuro ad energia pulita.

La produzione di energia rinnovabile in questo Uruguay ecosostenibile è elevatissima rispetto agli standard a cui siamo abituati in Europa. Già nel dicembre del 2015 si raggiunse il soddisfacimento del 94% del fabbisogno. Le caratteristiche geografiche, storiche e socio-economiche del paese di certo hanno contribuito a raggiungere l’obiettivo ma, ciò non toglie che da parte del governo uruguayano ci sia stato un serio impegno per contrastare il riscaldamento globale. Proprio al cambiamento del clima viene infatti imputato il calo della produzione idroelettrica nel paese e, per questo, si è investito molto in altre fonti di energia rinnovabile. I primi investimenti, soprattutto in impianti eolici, risalgono a dieci anni fa.

Gli obiettivi del 20-20-20 (ridurre del 20% le emissioni di anidride carbonica entro il 2020) però sfigurano di fronte al traguardo che il paese sudamericano si è posto: raggiungere entro il 2017 una riduzione dell’88% dell’ inquinamento da gas serra. La dichiarazione avvenuta ufficialmente ad opera dei rappresentanti del governo alla Cop21 di Parigi ha lasciato tutti i presenti a bocca aperta. I meriti dell’Uruguay ecosostenibile sono da attribuire a Ramon Mendez, ministro delle politiche ambientali; per il suo impegno visionario Forbes l’ha incluso nelle lista dei cinquanta leader più influenti del pianeta.

In molti sosterranno che in Uruguay le energie rinnovabili sono favorite dalla presenza di molti fiumi, dalla vicinanza alla costa che favorisce la ventosità e dalla presenza di molti spazi non abitati che facilitano gli interventi infrastrutturali. In più un’economia con una forte agricoltura dispone di ingenti quantità di biomassa per la produzione di gas e quindi di energia elettrica. Si aggiunga il contenuto fabbisogno energetico del paese ed ecco ricreate le condizioni ideali per l’abbandono delle energie convenzionali. Ad ogni modo resta l’esempio di un paese che ha preso sul serio gli impegni nei confronti dell’ambiente ed ha, in poco tempo, raggiunto risultati strabilianti.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati