Viaggi

Machu Picchu tra misteri e leggende: come arrivare

Machu Picchu, meta ideale per gli amanti dei viaggi di avventura: uno sguardo alla sua storia, ai miti e alle leggende che la avvolgono nel mistero

Fonte: google

E’ facilmente comprensibile capire qual è il periodo migliore per andare in Perù, ovvero tra giugno ed ottobre. La zona a sud nella quale si trova il complesso è quella più frequentata dai turisti, in quanto è da quelle parti che si possono osservare le attrazioni maggiori e per tale motivo il periodo migliore per visitarla è senza dubbio durante l’inverno australe.

Infatti nella spettacolare Machu Picchu il clima è più secco rispetto ai mesi di dicembre e marzo, nei quali le continue piogge potrebbero causare enormi disagi per le escursioni.

Ad ogni modo, in questo periodo, nonostante le temperature raggiungano i 20° durante il giorno, l’escursione termica è molto alta e le notti sono piuttosto fredde, con temperature molto rigide che possono scendere addirittura fino allo 0°.

Come arrivare

Machu Picchu è stata dichiarata una delle sette meraviglie del mondo, oltre che patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO dal 1983; per queste ragioni è diventata una grande meta turistica e sono stati creati diversi percorsi per raggiungere la Città Perduta. Essa è raggiungibile a piedi oppure in treno.

Uno dei modi per arrivare a Machu Picchu è il Cammino Inca, escursione molto impegnativa della durata complessiva di 4 giorni, oltre ad essere un’esperienza davvero memorabile. Per questo tipo di percorso le prenotazioni devono essere fatte con diversi mesi di anticipo, poiché il governo peruviano consente solo 500 turisti al giorno sul cammino. Lungo il percorso, l’altitudine oscilla tra i 2.000 e i 4.000 metri.

Se invece si decidesse di raggiungere Machu Picchu con il treno è possibile raggiungere la Città Perduta tutto l’anno, poiché i treni che partono dalle città di Ollantaytambo, Poroy e Urubamba e giungono sino al villaggio di Aguas Calientes di Machu Picchu sono disponibili giornalmente e per l’intero anno. Anche con questo tipo di soluzione di viaggio, però, bisogna organizzare e prenotare con largo anticipo a causa del numero consentito al giorno per l’accesso a Machu Picchu limitato a 2500 persone.

Storia

La gola di Picchu è posta a metà strada tra la foresta amazzonica e le Ande e fu insediata da popolazioni montane, civilizzate, originari dalle aree della Valle Sacra e di Vilcabamba, nella regione di Cusco, in cerca di terreni da coltivare.

Si presume che la città sia stata costruita dall’imperatore inca Pachacútec circa nell’anno 1440 e che sia stata abitata fino al 1532, anno della conquista spagnola. La posizione strategica della città era un vantaggioso segreto militare salvaguardato dai profondi dirupi che la circondano; infatti, una volta abbandonata, la sua posizione è rimasta sconosciuta per quattro secoli.

La città fu nuovamente resa nota al mondo il 24 luglio 1911 da Hiram Bingham, uno storico che era alla ricerca dell’ultima capitale Inca, Vilcabamba, ma questa non era a Machu Picchu; l’ultima capitale dell’impero Inca era a Espíritu Pampa, al riparo nella giungla.

Nel 2008 alcuni documenti, ritrovati negli archivi peruviani americani, rivelano che fu il tedesco Augusto Berns a scoprire Machu Picchu, già nella seconda metà dell’Ottocento per sfruttarne le ricchezze; oggi infatti gli studiosi puntano a individuare i tesori perduti o molto probabilmente finiti in collezioni private.

Misteri

La Città Perduta dell’impero Inca è avvolta da alcuni misteri, tra i quali quello della sua straordinaria costruzione. La strabiliante perfezione delle mura, costruite unendo pietre di forma complementare incastrate tra loro senza cemento o altri materiali usati come collante, ha fatto nascere vari racconti: si narra, infatti, di una particolare specie di uccello denominato Kak`aqllu, che conosceva un modo per ammorbidire le pietre, ma per evitare che il segreto fosse stato svelato, per ordine degli Dei, si strappò la lingua. Si tramanda anche dell’esistenza di una pianta magica in grado di sciogliere la roccia e poi modellarla nella nuova forma desiderata.

Per gli innamorati dei viaggi d’avventura, alla scoperta del Perù e del sua meravigliosa città sperduta tra le montagne, raggiungere Machu Picchu è un’ottima idea.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati