0, 0, 0, 0, 0, 2, 0 trend

Mistero al Cairo: la statua trovata non è di Ramses II

La statua rinvenuta in Egitto una settimana fa non apparterrebbe a Ramses II, ma ad un altro faraone

Fonte: Twitter

La statua trovata al Cairo qualche giorno fa non è di Ramses II. A rivelarlo, nel corso di una conferenza stampa, è stato Khaled el Enany, il ministro delle Antichità. In diretta tv ha illustrato le ricerche e gli studi fatti dagli archeologi sul colosso rinvenuto la settimana scorsa a Matariya, il quartiere popolare in cui in passato sorgeva l’antica Eliopoli.

Inizialmente si era ipotizzato che la statua raffigurasse Ramses II, considerando la vicinanza del luogo del ritrovamento con un tempio dedicato al grande faraone. Secondo gli archeologi invece il colosso potrebbe essere stato eretto in onore di un altro faraone, Psammetico I, regnante della XXVI dinastia e meno conosciuto.

“Quando abbiamo scoperto la statua – ha detto svelato Khaled el Enany nel corso della conferenza stampa che si è tenuta al Cairo – la zona del suo ritrovamento, di fronte ad un tempio di Ramses II, e le sue dimensioni, ci hanno portato immediatamente a pensare che fosse Ramses II o una statua riusata da Ramses II, ma appartenente ad un re precedente, forse della XII dinastia, come ci sono molti esempi a Heliopolis”.

“Ma quando è stata sollevata la testa – ha spiegato lo studioso e politico – abbiamo cominciato a trovare alcuni elementi che sono caratteristici di altri periodi, in particolare la forma del capo, l’occhio destro, la faccia allungata e alcuni elementi del corpo”.

Il ministro ha anche parlato dell’importanza delle iscrizioni che sono state rinvenute: “La statua potrebbe raffigurare Psammetico I, della XXVI dinastia, che regnò sull’Egitto per 45 anni dal 664 fino al 610 avanti Cristo – ha spiegato -. Non confermiamo al cento per cento che la statua appartenga a Psammetico I, ma speriamo di trovare altri frammenti e identificare con certezza il proprietario della statua nei prossimi giorni, settimane, mesi”.

Poche ore prima della conferenza stampa i due enormi frammenti della statua, il busto e la testa, erano stati trasportati nei giardini che si trovano nel Museo Egizio de Il Cairo, dove resteranno per circa sei mesi, prima di essere trasportati nel nuovo Museo di Giza.

Psammetico I viene descritto dagli storici come il riunificatore dell’Egitto dopo i violenti scontri con l’impero degli Assiri e forti scontri politici. Il suo regno durò, secondo Erodoto, circa 50 anni, morì nel 610 a.C.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti