Sport

Mistero: chi ha cancellato i tatuaggi di Ibra?

In un video pubblicato sui social, lo svedese palleggia a petto nudo, ma... manca qualcosa!

Fonte: Screenshot tratto da Twitter

Ultimamente sembrava che quando Zlatan Ibrahimovic togliesse la maglia per esultare dopo i gol, non se la fosse tolta da tanto inchiostro scuro che ha addosso. Con tutti quei tatuaggi disseminati tra petto, spalle, braccia, schiena e via dicendo, appariva scuro a tal punto da confondere la sua pelle con la maglia del Psg.

Per questo il nuovo video che sta facendo il giro del web, pubblicato sui social network proprio da Ibra, ha lasciato tutti con la bocca aperta: dove sono finiti i tatuaggi di Zlatan?

Nel filmato il campione che ha da poco firmato con il Manchester United di José Mourinho (che ha vietato Pokemon Go ai propri giocatori) palleggia in spiaggia vestito solo con un boxer arancione e – come suo solito – compie acrobazie con il pallone. Ma dei disegni nemmeno l'ombra.

In tanti si sono chiesti come sia possibile. Non è stato usato il laser, altrimenti sarebbe pieno di fastidiose cicatrici. La spiegazione è un'altra: gran parte dei tatuaggi di Ibrahimovic erano temporanei, come quello che raffigurava una lista di circa 50 nomi di bambini che soffrono per la fame nel mondo (mostrato in una partita di Ligue 1 il 1° febbraio 2015); altri tatuaggi invece diventano visibili solamente quando la pelle raggiunge un determinato livello di abbronzatura.

Il video, che si conclude con una mezza rovesciata di Ibra, ha collezionato milioni di clic in pochissime ore. (Per vedere il VIDEO clicca qui).

Chissà se lo avrà visto anche Eric Cantona, grande bandiera del Manchester United, che negli ultimi giorni ha punzecchiato il nuovo acquisto dei Red Devils per alcuni suoi atteggiamenti da 'prima donna': "C'è solo un re a Manchester, Ibra al massimo può fare il principe", ha commentato il francese. "Lui è il re, si tenga lo scettro. Io sono Dio, le cose terrene non mi interessano", ha replicato Zlatan con la solita modestia.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati