Nelle acque di Torvaianica spuntano due cigni

Nelle acque di Torvaianica sono spuntati all'improvviso due cigni che hanno incantato i bagnanti con la loro bellezza ed eleganza

Fonte: Twitter

Incontro eccezionale per i bagnanti di Torvaianica, dove sono stati avvistati due cigni. I pennuti sono stati fotografati dalle persone che erano in spiaggia al largo dello stabilimento Port Royal. Gli animali hanno nuotato per un po’ nelle acque azzurre di Torvaianica, poi, forse infastiditi dall’avvicinarsi di alcune persone, che li avevano raggiunti a nuoto, si sono spostati verso nord, raggiungendo prima Marina di Ardea e in seguito Ostia.

La Guardia Costiera ha fatto sapere che i due esemplari stanno bene, mentre secondo gli esperti si tratta della coppia di cigni che da qualche giorno vengono avvistati dai bagnanti sul litorale romano.

Alessandro Polinori, consigliere nazionale Lipu e responsabile Chm Lipu Ostia ha affermato che, anche quest’anno, il Centro Habitat Mediterraneo Lipu Ostia ha ricevuto moltissime telefonate da parte di cittadini che affermavano di essere allarmati a causa “dell’insolita presenza di cigni in acqua salata”.

“In realtà tutto ciò è assolutamente naturale – ha spiegato Polinori -. Dal 2003, infatti, i cigni reali sono una delle numerose specie di uccelli nidificanti presso l’oasi del Centro Habitat Mediterraneo Lipu di Ostia (accanto a specie ben più rare come, tra le altre, cavaliere d’Italia, airone rosso, tarabusino) e, nel solo 2017, sono stati ben 8 gli esemplari a vedere la luce presso l’oasi sita alla foce del Tevere. Una volta in grado di volare – ha aggiunto l’esperto Lipu -, è normale che questi animali vadano a colonizzare altre aree, o che amino comunque frequentare anche altre zone, così come fanno gli stessi genitori, che, soprattutto in periodo non riproduttivo, è possibile osservare in mare, presso il fiume Tevere, all’interno del Porto turistico di Roma o sulle spiagge del Litorale Romano, da Fiumicino a Torvaianica, passando naturalmente per Ostia”.

Il consiglio, come sempre, è quello di rispettare gli animali e non infastidirli: “Raccomandiamo a tutti i bagnanti di non accalcarsi nelle loro vicinanze – ha spiegato Polinori – e di non provare a catturarli. limitandosi ad osservarli da distanza debita, magari con un binocolo”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti