Offre abbracci gratis, multato

Tommy Boucher regala abbracci gratis alla stazione di Montreal ma è stato multato. Scopriamo insieme la sua storia

Fonte: Pixabay

Vi è mai capitato di vedere qualche pubblicità con la scritta “abbracci gratis” in pubblico?  Una bella iniziativa che è stata fatta da Tommy Boucher, a Montreal, in Canada, ma non è stata apprezzata dalle autorità locali che lo hanno multato. Tommy ha svolto questa iniziativa alla stazione metropolitana di Jean-Talon indossando una maglietta con la scritta “Free Hugs” per farsi riconoscere. Fedele alla sua promessa, ha alzato le braccia pronto a regalare abbracci a chiunque lo desiderasse.

Purtroppo Tommy è stato avvicinato dalla polizia di trasporto della città, la Société de transport de Montréal, che gli ha fatto una multa di 100 sterline. Boucher ha affermato che: “Mi hanno chiesto se avevo un permesso. Sorpreso ho chiesto che permesso?”. Ha detto che l’ispettore ha dovuto leggere alcune leggi fino a quando non ha capito come poteva attaccare l’operato del giovane. Infatti la multa gli è stata fatta sotto una legge che vieta la ” vendita o la locazione di servizi o merce o di esporre tali servizi o merci autorizzati.”

Abbracciare gratuitamente provoca guai

Boucher ha dovuto pagare la multa ma può continuare ad indossare la sua maglietta con la scritta “free hugs” ma non può aprire le braccia. Inizialmente aveva intenzione di contestare la multa perchè non aveva fatto nulla di male. Nel frattempo ha continuato con la sua missione di donare abbracci gratis a tutti per poter donare un sorriso a chi non lo ha. Ovviamente cerca di stare fuori dalla stazione per evitare di avere una nuova multa.

Boucher ha deciso di “donare” i suoi abbracci alla stazione della metropolitana perchè ci sono sempre persone ed è parte della routine quotidiana. Infatti ha affermato che le persone che trova in stazione sono le più bisognose.

Come nasce l’idea “free hugs”

L’idea “free hugs” è nata più di un anno fa. Boucher stava affrontando una brutta giornata quando si è imbattuto in qualcuno che stava dando abbracci liberi alla stazione metropolitana di Berri-UQAM, a Montreal. Ha raccontato di aver accettato quell’abbraccio perchè in quel momento ne aveva bisogno e solo così è riuscito a terminare la giornata. Da quel momento ha capito di voler condividere e donare alla gente un gesto che può valere più di mille parole.

Dopo aver preso questa decisione Tommy ha affermato che: “Sto molto bene con me stesso, indosso la mia maglietta verde e apro semplicemente le braccia per donare un sorriso alla gente.”

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti