Palermo, tigre bianca fugge dal circo

Panico a Monreale, dove una tigre bianca del Bengala è fuggita dal circo e ha iniziato ad aggirarsi per le strade

Si chiama Oscar, la tigre bianca fuggita dal circo, che per qualche ora si è aggirata indisturbata per Monreale, Palermo. Lo splendido esemplare, un maschio, era fuggito dal Circo Svezia a Monreale e aveva iniziato a camminare lungo la circonvallazione di Monreale, gettando nel panico gli automobilisti. Grazie all’intervento di alcuni passanti, in particolare un ragazzo, il felino è stato rinchiuso nel parcheggio recintato della Ferreri s.r.l., azienda di ceramiche che si trova lungo la strada.

Palermo, tigra bianca fugge dal circo
Fonte: Facebook

A quel punto sono intervenuti i tiratori scelti della Forestale che, anche con l’aiuto del veterinario, sono riusciti a sedare la tigre e a trasportarla in una gabbia temporanea.  “Abbiamo notato l’animale intorno alle 10 ad avvertirci alcuni vicini – ha raccontato Salvo Cangemi, fra i titolari della ditta di ceramiche in cui la tigre era stata rinchiusa -. Abbiamo due punti vendita e, quello dove si trova la tigre, comprende un edificio dove abita la mia famiglia e altri inquilini. Sono rimasti tutti barricati in casa, mentre fuori il parcheggio era asserragliato dalle forze dell’ordine. Ora l’animale si trova nella gabbia”.

Durante l’operazione di recupero della tigre, uno splendido esemplare bianco del Bengala, i carabinieri e la polizia hanno evacuato l’intera area per garantire la sicurezza dei cittadini. La fuga della tigre, anche se durata poco, ha scatenato immancabili polemiche. In particolare l’episodio ha indignato Enrico Rizzi, presidente del NOITA, la onlus Nucleo operativo italiano tutela animali. “Al di là della vergogna del nostro Stato che continua a finanziare questi spettacoli indegni fatti di sottomissioni, privazioni e sfruttamenti continui, mentre altri europei decidono di fermarli – ha spiegato Rizzi – quanto accaduto oggi è un fatto gravissimo. Come può scappare una tigre dal circo? Il circo detiene ed utilizza tanti animali tra cui taluni considerati pericolosi ex L.150/1992 e decreto interministeriale 19.04.1996, per i quali è previsto un particolare e rigoroso regime autorizzatorio di competenza di Asl e Prefettura, la cui violazione e punita con sanzioni penali”.

La fuga della tigre, secondo molti, potrebbe essere stata causata da una disattenzione degli addetti del circo “Sto anche valutando un sopralluogo proprio dove è attendato il circo – ha proseguito Rizzi – . Voglio anche verificare che siano state rispettate le normative relative all’igiene, alla sanità, alla sicurezza pubblica e al benessere animale. Sono pronto a denunciare il fatto alla Procura”.

Storie dal web

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti