Palmira, Aleppo e Damasco, le più antiche città della Siria

Le più antiche città della Siria, Damasco, Aleppo e Palmira, sono state scelte dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità a testimonianza della grandezza di un passato lontano

Parlare di Palmira, Aleppo e Damasco significa immergersi nella storia delle più antiche città della Siria. Non sono molte le nazioni che possono vantare una memoria storica tanto ricca e importante ed una capitale che costituisce un punto di riferimento obbligato nelle pagine della storia mondiale, al pari di Roma, Atene, Alessandria e Baghdad. Damasco è, infatti, assurta al ruolo di capitale universale grazie alla ricchezza delle bellezze artistiche rimaste a testimoniare la grandezza di un passato lontano.

La città vecchia di Damasco è stata scelta dall’Unesco quale Patrimonio dell’Umanità nel 1979. Confine tra Oriente e Occidente, punto di contatto tra nord e sud del mondo, Damasco è stata fin dalla sua fondazione (4.500 anni fa) un crogiolo di culture diversissime. La Grande Moschea degli Omayyadi ospita tre minareti, un’enorme sala di preghiera, un favoloso giardino ed è considerata uno degli edifici più belli al mondo. Inoltre con i suoi 125 monumenti, chiese, madrase, palazzi, caravanserragli sparsi nei vari quartieri, la città è una testimonianza della civiltà romana, bizantina e musulmana.

Aleppo non è solo una delle città più antiche della Siria, bensì del mondo intero. La città che si trova nei pressi del confine turco, a metà strada tra il mare e l’Eufrate, è stata fondata infatti circa 13mila anni fa. Aleppo, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 1986, è conosciuta anche come “La capitale del Nord” o “al-Shahaba”, ovvero “la grigia”, a causa della roccia calcarea grigia con cui sono state erette le abitazioni. Rinomate la meravigliosa Cittadella, fortezza arabo-islamica medievale innalzata ad uso militare e capace di ospitare oltre 10mila persone durante gli assedi, e la “moschea di Zaccaria”.

L’antica città di Palmira è diventata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 1980. Situata al confine tra l’Impero Romano e quello dei Parti, Palmira fu fondata nel VII millennio a.C. e fu uno dei centri culturali più importanti del mondo antico. La sua arte e la sua architettura sposarono le tecniche greco-romane con le tradizioni locali e gli influssi di matrice persiana: ne sono una prova le rovine riportate alla luce dagli scavi archeologici. Le recenti guerre in Siria hanno arrecato danni irreparabili a questo sito dalla straordinaria bellezza: l’ISIS ha distrutto templi, torri funerarie, un arco di trionfo, ma la riconquista di Palmira lo scorso marzo ha riconsegnato al mondo ineguagliabili vestigia.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti