Sport

Parola di bomber: "Zaza e Pellè? I peggiori della storia"

Un ex attaccante stronca i due Azzurri per gli errori dal dischetto.

Il web si è già scatenato negli attimi subito successivi ai rigori di Simone Zaza e Graziano Pellè, finiti sul banco degli imputati per via, rispettivamente, della rincorsa alla Fred Flinstone e per l'irriverente gesto del cucchiaio a Manuel Neuer (che è 'solo' il portiere migliore al mondo insieme a Gigi Buffon).

All'indomani dell'eliminazione dell'Italia da Euro 2016 per quella tragica lotteria dei rigori contro i campioni del mondo della Germania, si fa sentire un ex attaccante che di gol, Europei e calcio internazionale se ne intende eccome.

Si tratta di Thierry Henry, un passato da meteora juventina e da bandiera dell'Arsenal (con esperienza assai fruttuosa pure al Barcellona), che è intervenuto duramente sulle due punte Azzurre.

Il francese – celebre anche per il controllo di mano in occasione del gol che ha regalato ai transalpini la qualificazione ai Mondiali di Sudafrica 2010 in finale playoff contro l'Irlanda di Giovanni Trapattoni – ora veste i panni del commentatore tecnico in tv. E così si è espresso sulla vicenda: "La gente probabilmente si ricorderà del rigore di Matteo Darmian, perché è stato l'ultimo a sbagliare, ma, se fossi italiano, penserei senza dubbio a quanto fatto da Zaza e Pellè. Gli errori di sabato sera sono tra i peggiori che abbia mai visto nella storia dei rigori".

Tanti tifosi italiani che stanno assediando le pagine social di Zaza e Pellè sembrano essere d'accordo con Henry, stando a quanto scrivono nei commenti. Dal canto loro, i due Azzurri 'incriminati' si sono difesi, o hanno cercato di farlo.

Il primo è stato l’attaccante salentino del Southampton: "Il mio europeo resta positivo? Non me ne frega niente, sono triste e chiedo scusa agli italiani. Se avessi segnato sarei diventato un fenomeno, così invece… Mi dispiace per tutti, ma non si dica che volevo provocare Neuer: lui neanche se n'è accorto, semplicemente facendo il gesto dello 'scavetto' lo volevo costringere a rimanere fermo. Non sono uno sbruffone. Neuer mi ha anche fatto i complimenti a fine gara".

Un po' diverse le dichiarazioni di Zaza: "Non posso farci niente, dispiace perché stavamo facendo una cosa straordinaria. Non è giusto per noi, ma soprattutto per l'Italia, che un episodio cancelli quello che abbiamo dato".

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati