Lifestyle

Perché ci imbarazza ascoltare la nostra voce registrata

Non è certo una novità che la voce registrata imbarazza: ecco alcuni aspetti alla base di questa sensazione poco gradita a molte persone

Fonte: flickr

La voce registrata imbarazza moltissime persone e per molti si tratta di una sensazione poco gradevole. Sono in tanti che si chiedono il perché di questa sensazione che imbarazza: secondo recenti studi, alla base sembra esserci un aspetto psicologico oltre che di fisica. Dunque, potrebbe avere una spiegazione abbastanza certa il perché dell’imbarazzo quando si sente la propria voce registrata.

Nella maggior parte dei casi, la voce registrata imbarazza perché non sembra la stessa che si ha normalmente. Essa, infatti, appare diversa, con un tono che non appare quello con cui normalmente si è soliti parlare. A volte troppo nasale, a volte troppo infantile, sono tante le variazioni che possono essere percepite dalla propria voce registrata e che sicuramente può essere causa di imbarazzo verso altri.

La spiegazione del perché la voce registrata imbarazza è legata al fatto che viene sentita in maniera diversa rispetto a ciò che accade verso le altre persone. Quando si parla ad altri, la voce ha solo attraversato l’aria prima di arrivare alle orecchie. Invece, quello che si percepisce quando si parla, e dunque il tono della propria voce, passa per tutti i tessuti del corpo: si trasmette in ossa, laringe e molte altre parti.

Il tutto può essere ristretto ad un aspetto puramente fisico: attraversando l’aria, la voce di per sé tende a cambiare di tono. Inoltre, gli apparecchi che registrano hanno un meccanismo che altera, anche in maniera leggerissima, la voce. Nella registrazione le onde meccano-elastiche vengono trasformate in onde elettromagnetiche, cosa che non avviene normalmente nell’ascolto.

Ma perché la propria voce, dopo averla sentita al registratore, sembra non piacere? La risposta potrebbe essere in un aspetto puramente psicologico e soggettivo. Infatti la voce viene percepita come qualcosa di estraneo e di ignoto che sembra essere imbarazzante e sicuramente lontano da quella che è la realtà.

In verità, il proprio tono di voce è difficile da ascoltare fedelmente attraverso apparecchi di registrazione. Questo ripete un po’ quello che succede quando si vedono vecchie fotografie di quando si era piccoli. Il che determina imbarazzo semplicemente perché il cervello è abituato a vedere la propria immagine allo specchio e non come se fosse un’altra persona ad osservarci dall’esterno.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati