Imperdibili

Perché prendere appunti con tablet e notebook non aiuta lo studio

Prendere appunti e studiare con i moderni dispositivi elettronici potrebbe mettere in pericolo la vostra capacità di apprendimento

Fonte: www.pixabay.com

Prendere appunti con i tablet, sempre più piccoli e maneggevoli, sembra ormai pratica comune tra gli studenti di tutto il mondo. Digitare è più rapido di scrivere a mano, ma uno studio recente ha dimostrato che la vecchia maniera può portare molti più benefici a livello d’apprendimento. Secondo Pam A. Muller dell’Università di Princeton e Daniel M. Oppenheimer dell’Università della California, utilizzare dispositivi elettronici può facilmente distrarre, dato che basta un attimo per cambiare schermata e iniziare a navigare sui vari social media e internet. Inoltre, la lentezza nel prendere appunti manualmente è il fattore che aiuta a memorizzare più facilmente.

I ricercatori hanno osservato che gli studenti che utilizzano laptop tendono a scrivere tutto ciò che il professore dice, mentre manualmente si è costretti a selezionare le informazioni per poter stare al passo con la lezione.
Nello studio pubblicato su Psychological Science si differenziano due modi di prendere nota: generativo e non generativo. Il primo è caratterizzato da riassunti, riformulazioni, schematizzazioni di concetti, mentre il secondo implica la copia di quanto detto. Due sono le ipotesi avanzate riguardo agli effetti positivi della modalità manuale: una riguarda la codificazione che migliora l’apprendimento; l’altro è la memoria extra, dove si tende a studiare solamente riguardando i propri appunti o quelli dei compagni.

I ricercatori hanno deciso di mettere alla prova i due tipi di studenti in tre prove diverse. In tutti i casi, chi prendeva appunti con i dispositivi elettronici, otteneva risultati significativamente peggiori nelle domande concettuali. Anche se chi era provvisto di laptop trascriveva quantitativamente più parole, chi utilizzava la vecchia maniera riusciva a memorizzare più informazioni. Si è così dimostrato che annotare a mano permette ai soggetti di ottenere una memoria extra e delle funzioni di codificazione superiori.

Certamente è difficile far ritornare le persone a carta e penna, ma negli ultimi tempi si stanno sviluppando molte nuove tecnologie, come ad esempio Livescribe, così come molti modelli e tipi di tablet sempre più avanzati. Si spera che le nuove generazioni possano ottenere il meglio dai dispositivi elettronici senza però rinunciare ai vantaggi delle note manuali, sfruttando in questo modo gli aspetti positivi di entrambi i metodi di studio.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati