Imperdibili

Pesto di cime di rapa: come farlo e che tipo di pasta abbinare

Pesto di cime di rapa: i segreti di una ricetta dal sapore deciso e caratteristico, ideale per aggiungere nuove verdure alla nostra tavola

Fonte: flickr

Per creare un primo piatto con carattere, piacevole e gustoso, il pesto di cime di rapa è una soluzione ideale per chi vuole stupire senza passare troppo tempo sui fornelli. Variante del classico pesto, dove il basilico viene sostituito dalle cime di rapa, questa ricetta proviene dalla cucina tradizionale meridionale, in particolare quella pugliese. Il segreto è nell’aggiunta di aglio e una punta di peperoncino per aromatizzare, e di pangrattato soffritto nella decorazione.

L’abbinamento migliore per il pesto di cime di rapa è con le orecchiette, preferibilmente fatte in casa, ma anche altri formati di pasta corta si sposano bene con questo tipo di condimento: gnocchi, paccheri, trofie, caserecce, passatelli, o i classici fusilli e penne rigate. In alternativa alla pasta, è possibile gustare la salsa spalmandola sui crostini di pane. Vediamo insieme quali sono gli ingredienti indispensabili per questa sfiziosa ricetta.

Ingredienti per 4 persone: 400 gr di pasta, 300 gr di cime di rapa, 80 gr di mandorle sgusciate (o gherigli di noci), 50 gr di parmigiano grattugiato (o pecorino), 8 cucchiai di olio extra vergine di oliva, 4 cucchiai di pangrattato, un pizzico di sale, un pizzico di pepe, 1 aglio (facoltativo), ½ peperoncino (facoltativo). Occorrente: 1 pentola capiente, cubetti di ghiaccio, frullatore a immersione, 1 ciotola di medie dimensioni.

Procedimento: lavare abbondantemente le cime di rapa e tagliare le foglie ingiallite e i gambi più duri, lessare in abbondante acqua bollente salata per circa 25 minuti, fino a intenerimento. Scolare e immergere in una ciotola contenente del ghiaccio per raffreddare e fissare il colore. Una volta fredde, scolare di nuovo le cime di rapa, strizzare bene e tritare grossolanamente. Nel frattempo, far bollire l’acqua per la pasta.

Spostare le cime di rapa nel frullatore, insieme a mandorle tostate, parmigiano grattugiato, il sale e le altre spezie. Azionare le lame, aggiungendo a filo l’olio, fino a ottenere una crema uniforme e omogenea. Il pesto di cime di rapa è pronto e, una volta scolata la pasta, è sufficiente amalgamare il tutto, decorando il piatto con il pangrattato fatto soffriggere in padella. È possibile conservare il pesto in frigorifero per 4-5 giorni in un contenitore ermetico, oppure un mese nel congelatore diviso per porzioni pronte all’uso.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati