Imperdibili

Piatti stranieri: che differenza c'è tra kebab e kebap

Sapete che differenza c'è tra kebab e kebap? Spesso questi due termini vengono usati in modo indifferente per indicare la stessa gustosa pietanza

Fonte: flickr

Conoscere quale differenza c’è tra kebab e kebap potrebbe apparire un dettaglio di poco conto per un occidentale. A volte non ci si fa neppure caso ma i due termini non sono uguali, anche se designano lo stesso piatto. Il kebab è una preparazione tipica della cucina turca e medio orientale e che è prepotentemente entrata a far parte delle abitudini alimentari e culturali europee. Il termine “kebab” letteralmente significa carne arrostita e, contrariamente a quello che si potrebbe pensare, non è di origine turca bensì araba. La parola della penisola euro-asiatica utilizzata per indicare questa pietanza è invece “kebap”.

La differenza che c’è tra kebab e kebap riguarda dunque anche il piatto oppure è una mera questione linguistica? La risposta a questa domanda risiede nella seconda opzione proposta: la specialità è la stessa, cambia solo l’area geografica con la quale essa viene indicata. Mentre a Istanbul si prepara il kebap, nelle strade di Medina o Damasco il kebab viene gustato da locali e viaggiatori. Passeggiando per le vie delle città non è difficile dunque immaginare che laddove le insegne parlano di kebap esso sarà preparato da proprietari provenienti dalla Turchia, che peraltro è pure il luogo originario della preparazione.

Se dunque sostanzialmente la diversità tra kebab e kebap risiede nella differente origine del nome, ciò non vuol però dire che tutte le preparazioni siano uguali. In Europa e in particolare in Germania, il Paese con la più grande comunità turca del mondo, è diffuso il döner kebab, letteralmente il “kebab che gira”. Si tratta dei grandi spiedoni di carne, di solito agnello o pollo, che vengono abbrustoliti esternamente e poi affettati. Il piatto viene successivamente servito accompagnato da pane arabo o da yufka, una sorta di pasta sfoglia simile alla piadina.

Le varietà di questa tipica preparazione orientale sono diverse, caratteristiche a seconda della zona di provenienza. Celebri sono per esempio l’adana e l’urfa kebabi, che prendono il nome dalle città turche di Adana e Saliunrfa e che vengono cotti alla griglia, come su un barbecue. In Turchia è anche famoso l’iskender kebap, ricco piatto proveniente da Bursa, mentre in Iran si mangia il chelo kebab, accompagnato con riso persiano. Insomma, basta ricordarsi che quando si mangia un kebab oppure un kebap non cambia praticamente nulla.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati