Imperdibili

Questa casa galleggiante per sposini si divide in due, dopo il divorzio

La casa scomponibile per le relazioni in bilico. Ecco un esempio di divisioni di beni nel caso in cui terminasse una relazione

I primi anni di un matrimonio sono meravigliosi: la luna di miele, l’inizio della convivenza, lo svegliarsi insieme, l’andare a letto insieme…poi però sopraggiungono i litigi, le scaramucce, le piccole vendette, e tutto va a rotoli. Si mettono in mezzo gli avvocati e allora tutto è da dividere: mobili, macchine e anche la casa. Ecco che arriva l’idea geniale dello studio OBA, uno studio di design situato ad Amsterdam: una casa scomponibile.

Chiamato progetto “Prenuptial Housing” (che tradotto un po’ alla buona sarebbe “casa prematrimoniale”), si tratta di una casa galleggiante scomponibile, che in caso di divorzio può essere smembrata a secondo degli accordi presi.

Come è formata la casa?

L’architettura della casa consiste in due unità prefabbricate che, una volta unite, sembrano una sola. Il materiale di cui sono costruiti è una fibra di carbonio leggerissima, unita ad uno strato di legno semi trasparente, entrambi adattabili a differenti ambienti. Essendo una casa galleggiante, le due unità inizieranno a separarsi e galleggeranno l’una lontana dall’altra nel momento in cui i due occupanti decidono di divorziare.

Sembra che il progetto della casa sia ancora in cerca di qualcuno che voglia investirci sopra, ma lo studio OBA sembra deciso a trovare degli investitori il prima possibile, in modo da cominciare al più tardi l’anno prossimo a prendere ordini. Vincent Ringoir, dirigente dello studio OBA, ha dichiarato che la sfida più grande dell’intero progetto è il fatto di disegnare due unità che di fatto sono separate, in modo da farle sembrare una.

La casa ricomponibile

È stato necessario cercare una forma geometrica che fosse al tempo stesso facile da connettere, che sembrasse una casa unica, ma rimanesse esteticamente piacevole una volta separati i due pezzi. Un lavoro da poco, insomma. I due pezzi, inoltre, possono essere anche facilmente rimessi insieme, nel caso in cui, ad esempio, una coppia abbia una relazione cosiddetta “tira e molla”.

Lo studio ritiene che questa casa sarebbe particolarmente utile alle coppie in Belgio, Portogallo e Ungheria, che secondo le statistiche avrebbero le percentuali di divorzi più alte del mondo. L’unico vero problema di questa casa potrebbe essere il fatto di prenderla in primo luogo: è strano investire in un luogo in cui si dovrebbe vivere per sempre, col pensiero che nel caso in cui ci si lasciasse, si potrebbe tranquillamente dividere la casa. Ma questo starà alla singola coppia deciderlo!

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati