1, 2, 0, 2, 0, 0, 0 trend

Il ragno con la coda di 100 milioni di anni fa che esiste ancora

Gli studiosi hanno scoperto un ragno con la coda vissuto 100 milioni di anni fa che potrebbe esistere ancora nella foresta pluviale

Un ragno con la coda vissuto 100 milioni di anni fa intrappolato nell’ambra, ma che potrebbe esistere ancora oggi. Lo strano insetto è stato ritrovato in Myanmar perfettamente conservato. Si tratta in realtà di un proto-ragno vissuto nel Cretaceo.

Aveva una lunghezza di 3 millimetri, una coda lunga il doppio del corpo, delle piccole zampe pelose e antenne per percepire pericoli e predatori. Si tratta di una scoperta straordinaria, soprattutto perché sino ad oggi gli scienziati non erano a conoscenza dell’esistenza di un ragno con la coda.

Lo studio, pubblicato su “Nature Ecology & Evolution”, ha coinvolto moltissimi paleontologi guidati da un gruppo di esperti americani. Secondo Paul Selden, professore dell’Università del Kansas, questi ragni rappresentano l’anello di congiunzione fra gli uraraneidi e i primi aracnidi, che riuscivano a produrre ragnatele.

In base alle prime ipotesi sembra che i ragni utilizzassero la coda come un sensore per individuare la preda. Nel corso dell’evoluzione questa caratteristica si sarebbe persa. Il ragno ibrido con la coda è stato soprannominato Chimerarachne yingi e popolava la terra nell’epoca dei dinosauri.

Per il paleonotologi però potrebbe non essersi estinto. Il professor Selden, infatti è convinto che qualche esemplare della specie sia sopravvissuto e ora viva nella foresta dell’Asia sudorientale. Molte zone pluviali non sono ancora state studiate e analizzate con precisione dagli esperti, soprattutto per quanto riguarda la presenza di ragni.

Gli studi per ora sono ancora all’inizio. Gli scienziati attualmente stanno analizzando altri pezzi di ambra trafficati fra l’ex Birmania e la Cina sotto forma di gioielli. I monili potrebbero nascondere al loro interno altri esemplari.

Il ragno con la coda esiste ancora? Di certo è presto per dirlo. Gli studi sono appena iniziati e gli scienziati sono decisi a scoprire qualcosa di più su questo straordinario insetto vissuto milioni di anni fa.

Le domande sono tante e la speranza è quella di trovarsi nuovamente faccia a faccia con il mitico animale. Come ha spiegato Bo Wang, studioso dell’Accademia cinese delle scienze di Nanchino, una cosa è certa: “il 99,99% dei ragni sono animali che non farebbero mai male volontariamente agli esseri umani, perché sono creature meravigliose”.

ragno con coda

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti