Reina, un calcio alla iella: "Scudetto anche senza Milik"

Il portierone del Napoli non alza bandiera bianca ed è pronto a sfidare la Juventus.

Fonte: Getty Images

Volti scuri nell'ambiente partenopeo. Prima il doloroso addio di Higuain, la stella della squadra che ha "tradito" scegliendo di andare alla Juventus, poi, appena trovato un degno erede (Milik), ecco che il polacco si infortuna gravemente. Insomma, la iella è decisamente concentrata sul Napoli.

Sarri, tecnico degli azzurri, ha fatto sapere che lo Scudetto è, di fatto, una questione bianconera, evidenziando la superiorità della Vecchia Signora. Parole che Reina, il numero uno del Napoli, ha letto in maniera "positiva". Una sorta di ingegnoso stratagemma per mettere ancor più pressione alla Juventus, obbligata a dominare e vincere, visto il sontuoso mercato e le tante stelle in rosa.

Ma Reina è andato anche oltre, facendo capire, a tutto l'ambiente, che il Napoli non è affatto abbattuto, anzi… "Ho la speranza di poter lottare per lo Scudetto, anche senza Milik", le sue parole alla Gazzetta dello Sport. Parola da autentico leader, di uno che non ha nessuna intenzione di alzare bandiera bianca. A 34 anni suonati, lo spagnolo vuole lasciare il segno nella storia del Napoli. Dopo aver vinto una Coppa Italia (2012/13), è tornato proprio per il grande sogno, ossia portare alla città partenopea che tanto ama il tricolore.

Insomma, un calcio alla iella e un monito a tutti i compagni di squadra, in particolare a Gabbiadini, l'uomo che sarà chiamato, quasi certamente, a prendere il posto di Milik. Intanto lo stesso polacco pare aver già sposato le idee decisamente combattive di Reina. Sabato, per il big match con la Roma, ha fatto sapere di voler essere al San Paolo, pronto ad incitare i suoi compagni in campo. Un altro segnale della voglia di non abbattersi del Napoli, con Reina in prima fila.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti