Ricercatrice ad Harvard: "In Italia neanche un posto da bidella"

Guida un team specializzato nella ricerca di schizofrenia e sindrome bipolare

Fonte: Linkedin

Si chiama Sabina Berretta, ha 56 anni ed è un modello femminile per le donne della sua generazione e non solo. È stata una delle prime ricercatrici che hanno avuto la possibilità di dimostrare il proprio valore all’estero, tanto da conseguire un titolo ambito per chiunque intraprenda il percorso della ricerca: oggi dirige la banca dei cervelli presso l’istituto neurologico della prestigiosa Università di Harvard, negli Stati Uniti, situato all’interno del McLean Hospital di Boston.

In una lunga intervista a Repubblica.it, l’esperta ha ripercorso i passaggi cruciali che l’hanno portata a ricoprire un ruolo così ambizioso e insperato: “Amo il mio lavoro, qui conserviamo migliaia di cervelli e lo studio non è mai abbastanza. Il nostro obiettivo è quello di studiarli in maniera approfondita per sapere di più su malattie ancora incurabili o sconosciute”.

“Ai tempi del liceo avrei voluto studiare filosofia, ma temevo non mi avrebbe dato una sicurezza economica in futuro. Così, essendo una sportiva, decisi di frequentare l’Isef: qui, durante gli ultimi anni, capii la mia vera vocazione quando entrai per la prima volta nel laboratorio di fisiologia e venni a conoscenza degli studi sul cervelletto”. Fare ricerca era praticamente impossibile: “Iniziai a studiare medicina a Catania, mi sono laureata in neurologia col massimo dei voti e iniziai subito il lavoro da ricercatrice, ma non venivo neanche pagata. Così decisi di fare domanda per un posto da bidella che si era liberato nell’istituto, in modo da potermi guadagnare da vivere e continuare a fare ricerca. Non ci riuscii: quel posto andò a un’altra persona, erano in troppi ad aver fatto domanda”.

La svolta per Sabina arrivò nel 1990: “Ebbi la fortuna di vincere una borsa di studio del Cnr, con la possibilità di fare esperienze all’estero: scelsi il Mit di Boston, dove lavorai senza essere pagata per un anno ma al termine del tirocinio fui assunta. Ad Harvard proposi uno studio sulla schizofrenia e lì iniziai le prime ricerche sul cervello umano, prima avevo studiato solo quelli di alcuni animali. Dopo aver iniziato a lavorare come ricercatrice indipendente, fui scelta per sostituire la direttrice di allora, anche perché ero la persona più esperta all’interno di quel laboratorio”.

Da responsabile, dirige due tema costituiti da 7 e 10 ricercatori specializzati su schizofrenia e sindrome bipolare: “I nostri studi si concentrano su schizofrenia e disturbi bipolari, e sui segni che lasciano queste patologie sulla materia grigia, un po’ come accade con l’Alzheimer“. Uno studio complesso, che necessita di risorse e materiale di studio. Ed è proprio questo l’oggetto dell’appello lanciato dalla ricercatrice.

“Ci servono anche cervelli sani per confrontarli con quelli affetti da patologie, ma diventa sempre più difficile trovare donatori: sono troppo pochi rispetto ai potenti mezzi di cui disponiamo”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti