Rispunta il mulgara, l'animale estinto da un secolo

Il mulgara era estinto da un secolo, ma è ricomparso improvvisamente in un parco naturale in Australia

Fonte: Twitter

Tutti credevano che fosse estinto da un secolo, ma in realtà era ancora vivo. Stiamo parlando del mulgara, un animaletto dall’aspetto tenero, che è ricomparso 100 anni dopo la sua scomparsa in Australia.

I ricercatori dell’Università del New South Wales l’hanno avvistato mentre esploravano la zona desertica del parco nazionale Sturt, con lo scopo di reintrodurre alcune specie nel loro habitat originale. Non avrebbero mai immaginato di potersi imbattere in un mulgara, soprattutto perché era considerato estinto ormai da un secolo.

La scoperta ha avuto un eco importante in tutto l’ambiente scientifico, soprattutto perché gli studiosi credono fermamente nella possibilità di individuare altri animali “scomparsi” in questa zona.

Il mulgara (nome scientifico Dasycercus) è un marsupiale di 30 centimetri, con una coda a cresta, che abita nelle zone desertiche e assomiglia ad un diavolo della Tasmania. L’animale è un carnivoro e non ha bisogno di grandi quantità d’acqua per sopravvivere, poiché utilizza quella presente nelle sue prede.

Gli studiosi erano convinti che si fosse estinto nella zona del New South Wales, anche perché nel parco – uno dei più grandi del paese – erano stati rinvenuti solo dei resti ossei appartenenti a qualche esemplare. L’ipotesi degli esperti era che il mulgara fosse stato ucciso da altri predatori, come le volpi.

“Il mulgara una volta era ampiamente distribuito negli ambienti sabbiosi del deserto nell’entroterra dell’Australia – ha spiegato la dottoressa Rebecca West dell’Unsw -. Questa specie, che pesa circa 150 grammi e ha una pelliccia bionda chiara e una coda spessa con una cresta nera, si credeva però scomparsa in quest’area. Ora ci impegneremo per preservarla”.

Il ritrovamento del mulgara è stato del tutto casuale, ma ora gli scienziati sperano di poter preservare questa specie e consentirgli di riprodursi nel territorio. L’esemplare rinvenuto per caso verrà monitorato nei prossimi mesi. Gli esperti non perderanno di vista più l’animaletto e seguiranno i suoi spostamenti tramite sofisticate attrezzature. 

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti