Roberto Mancini, la fantasia al potere

Giocatore dotato di estro e fantasia, oggi allenatore, Roberto Mancini è stato il protagonista insieme a Gianluca Vialli della Sampdoria di Vujadin Boskov e artefice dello scudetto della Lazio del 2000

Fonte: Wikipedia

Roberto Mancini nasce a Jesi il 27 novembre 1964. Fin da piccolo mette in mostra una tecnica individuale superiore ai suoi coetanei: a tredici anni viene notato dal Bologna che decide di acquistarlo e di farlo crescere all’interno del proprio settore giovanile. Roberto Mancini brucia le tappe e a soli diciassette anni viene lanciato in prima squadra, ricoprendo il ruolo di rifinitore o di seconda punta, grazie alla capacità di mandare in porta i compagni e di concludere a rete nel momento del bisogno. Nella prima stagione in Serie A colleziona trenta presenza e nove gol, ma il Bologna è retrocesso in Serie B.

L’anno seguente Mancini si trasferisce alla Sampdoria del presidente Mantovani. A Genova Mancini trova il clima perfetto per mettere in mostra tutte le sue qualità. Insieme a Gianluca Vialli forma una coppia d’attacco perfetta e che permette alla Samp di vincere la Coppa Italia nella stagione 1984-1985.

Nell’86 arriva Vujadin Boskov che forgia una squadra fortissima: nella stagione 1990-1991 la Sampdoria conquista lo scudetto e l’anno successivo arriva a giocarsi la finale della Champions League, uscendo sconfitta contro il Barcellona solamente nei tempi supplementari. Dopo quindici anni di successi, nel 1997, Mancini si trasferisce alla Lazio e sarà l’artefice dello scudetto del 2000. Chiude la carriera da calciatore al Leicester nel 2001.

Dopo essersi ritirato, Mancini inizia subito ad allenare: nel marzo del 2001 viene chiamato dalla Fiorentina a sostituire l’esonerato Fatih Terim. Con la squadra viola riesce a conquistare la Coppa Italia. Nel luglio del 2002 firma un contratto biennale con la Lazio: sulla panchina della squadra biancoceleste non riesce a vincere nessun trofeo e nel 2004 viene ingaggiato dall’Inter di Moratti. Sfruttando il terremoto di Calciopoli, Mancini conquista sulla panchina nerazzurra lo scudetto che mancava da anni. Nel 2008 viene esonerato per far posto a Mourinho . La carriera di allenatore prosegue all’estero: prima al Manchester City, dove conquista il titolo e poi in Turchia al Galatasaray, dove rimarrà soli pochi mesi. Alla fine del 2014 torna sulla panchina nerazzurra con un contratto di tre anni.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti