Imperdibili

Scrivere male: tutte le ragioni delle peggiori parole scritte

Capire di scrivere male chiarisce come correggere gli errori. Gli autori mediocri, tuttavia, spesso si rifiutano di comprenderli

Fonte: flickr

Qual è il fattore che porta a scrivere male? Un romanzo è brutto quando si rivela troppo noioso, confuso o logico, perché isterico o letargico, o perché in realtà non succede nulla al suo interno. Un’opera limitata può anche avere caratteristiche notevoli come frasi ben strutturate o immagini brillanti, ma rende sempre la prosecuzione della lettura una lenta agonia. I cattivi scrittori perseverano nelle loro mancanze perché, a loro avviso, possiedono dei buoni motivi per continuare ad adottare il proprio stile. Molto semplicemente, si rifiutano di comprendere come correggere i loro errori, pur essendo in grado di leggere molte opere di narrativa.

I suddetti scrittori, tuttavia, non riescono a capire il motivo per cui i libri famosi abbiano avuto successo. Le opere più pericolose che possano leggere sono i cosiddetti “romanzi-scusa”, libri di romanzieri che sembrano concedere ai colleghi l’autorizzazione a prendere in prestito le loro mancanze. I narratori mediocri che non sanno come correggere i loro errori preferiscono confrontarsi con altri autori con cui condividono certe caratteristiche. Un redattore che usa scrivere male assume quasi sempre un atteggiamento difensivo, mentre un romanziere di successo si rende inevitabilmente il più vulnerabile possibile.

I prosatori mediocri spesso tentano di riscrivere un libro pubblicato in un altro periodo, in condizioni sociali completamente diverse, non capendo che anche un romanzo storico o di fantascienza rappresenta una risposta ad una particolare epoca. I suddetti redattori possono anche adottare l’atteggiamento opposto, tentando di perorare una causa o di accrescere la comprensione degli altri in merito ad una certa questione sociale, anche se qualsiasi tentativo di scrivere per rendere il mondo un luogo migliore è destinato quasi certamente a fallire.

Gli autori che non capiscono come correggere gli errori spesso ricollegano la causa del loro mancato successo allo spietato mondo della letteratura. Per diventare un grande romanziere, d’altra parte, oltre a leggere tanto bisogna anche prendersi il rischio di scrivere male. La competenza è spesso deleteria perché crea la paura dell’umiliazione, pericolo che tuttavia bisogna affrontare per andare oltre la semplice ordinarietà. Scrivere con competenza, invero, è come fare trucchetti magici ad amici e parenti, mentre scrivere bene è fuggire per unirsi al circo.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati