Sei vegetariano? Ecco 3 formaggi che puoi mangiare

Chi sceglie un’alimentazione vegetariana ha spesso una grande difficoltà: trovare il formaggio giusto, perché non deve essere preparato, per ovvi motivi, con il caglio di origine animale ma con quello vegetale.

Ecco perché è senz’altro utile dare notizia dell’esistenza del ficu, formaggio a forma tondeggiante, siciliano, prodotto con il latte di capra Girgentana (così chiamata perché è di Agrigento), una razza tipica dell’Isola.

Il nome, infatti, deriva dal coagulante utilizzato per la preparazione del formaggio, ovvero il lattice dei rametti del fico e con la foglia dello stesso è avvolta la forma durante la stagionatura, che va dalle due alle quattro settimane.

Il fico, inoltre, dà al formaggio non solo una consistenza cremosa ma anche sensazioni erbacee.

Si tratta, quindi, di un prodotto ideale per chi ha deciso di eliminare dalla propria dieta ogni derivato animale ma è anche adatto per chi è allergico alle proteine del latte bovino.

Il ficu, comunque, non è l’unico formaggio che utilizza il caglio vegetale, dal momento che si tratta di una scelta molto comune al Sud.

C’è da annoverare, ad esempio, anche la pampanella, formaggio che viene prodotto in Abruzzo e in Puglia, che ha in comune con quello siciliano la foglia del fico con cui è tradizionalmente servito.

E, ancora una volta in Abruzzo e nel Lazio, viene realizzato un formaggio, il caciofiore, che è ottenuto dai fiori del Cynara cardunculus, altrimenti noto come cardo selvatico, la cui stagionatura varia dai 30 ai 90 giorni.

E voi, avete altri formaggi da consigliare ai vegetariani?

Lasciate un commento!

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti