Cos'è "sfida accettata", la nuova mania di Facebook

Ecco cos'è sfida accettata, la nuova mania che sta invadendo Facebook

“Sfida accettata” è la nuova mania di Facebook, ma pochi ancora sanno di cosa si tratta. Se vi è capitato di girare fra i social in questi giorni vi sarete accorti che su molte bacheche si trova la scritta “Sfida accettata”. Ma di cosa si tratta? In sostanza è l’ennesima catena di Sant’Antonio che ha invaso i social.

La sfida in questione è quella di pubblicare su Facebook una foto di se stessi di qualche anno fa. Se i follower cliccano Mi piace, sono costretti a loro volta a fare lo stesso. In questo modo in pochissimo tempo i social si sono trasformati in un gigantesco album di famiglia, con foto che raccontano i primi passi da bambini, gli amori di scuola, le coccole della mamme, i Natali e le vacanze in famiglia.

In realtà il fenomeno era nato per un altro motivo inizialmente un po’ più nobile. L’idea della “Sfida accettata” era infatti nata in India e in Gran Bretagna qualche anno fa con il nome di Challenge Accepted. Lo scopo? Mostrare il proprio sostegno nei confronti delle persone malate di cancro. Come? Postando (non chiedeteci perché) una foto in bianco e nero. “Riempiamo Facebook di foto in bianco e nero per mostrare il nostro supporto alla battaglia contro il cancro.

È questa la sfida” recitava la scritta e chi cliccava Like doveva automaticamente pubblicare una propria foto e rilanciare la sfida a qualcun altro. Sin da subito la questione è destato qualche polemica, soprattutto da parte di alcuni malati che hanno ritenuto inutile pubblicare immagini in bianco e nero per sostenere chi combatte contro il tumore.

Con il tempo poi la catena di Sant’Antonio è cambiata e si è trasformata in qualcos’altro. Da campagna di sensibilizzazione si è trasformata in una gara a chi posta più foto vintage. In tanti hanno protestato, affermando che sarebbe diventato, come accade sempre sui social, il solito modo per mettere in mostra se stessi. Nel frattempo sulle bacheche di Facebook impazza “Sfida accettata”, in attesa della prossima catena di Sant’Antonio.

 

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti