Tech

Siete ossessionati dallo smartphone? C'è chi lo usa 5400 volte al giorno

L'ossessione smartphone è la malattia del nuovo millennio. Secondo una ricerca, la mania smartphone si manifesta toccandolo migliaia di volte al giorno

Fonte: flickr

L’ossessione smartphone, secondo una recente ricerca scientifica, si manifesta quando si comincia a usare lo smartphone molte volte al giorno, manifestando una vera e propria mania che impedisce di rimanerne lontani. I dipendenti da smartphone prendono in mano il loro portatile più di 5400 volte al giorno, tra questi, il 10% arriva a 5427 volte al giorno per un totale di 2 milioni di ‘tap’ all’anno. Più della metà degli utenti controllano il proprio cellulare da mezzanotte alle cinque del mattino e l’applicazione maggiormente utilizzata è Facebook.

La malattia del nuovo millennio è dunque la cosiddetta, mania smartphone. Tuttavia anche le persone che non hanno un grado di ossessione così grave presentano comunque una dipendenza da cellulare che si manifesta prendendolo in mano mediamente 76 volte al giorno, fino a punte massime di 132 manipolazioni quotidiane. Oltre ai social network, anche Google è molto utilizzato dai drogati dello smartphone, come hanno evidenziato i ricercatori studiosi del comportamento di 94 utenti Android. È emerso che, in media, le persone strusciano o battono il dito sullo schermo circa 2617 volte al giorno per un totale di 1 milione di touch l’anno.

L’ossessione smartphone porta le persone a passare circa 2,42 ore al giorno a toccare il display e il 10% arriva a un picco massimo di 3,75 ore. La mania smartphone non accennerà a diminuire in futuro, anzi, secondo lo studio sembra che aumenterà. Non abbiamo ancora raggiunto la vetta, come ha riferito Michael Winnick, fondatore e CEO di dscout, l’azienda statunitense esperta di ricerche di mercato e produzione di software che ha effettuato lo studio. L’ossessione smartphone aumenterà sempre di più, magari interagendo in maniera più tecnologica, con nuove forme e stili di contatto e usando di meno le dita.

La ricerca andrà avanti e la mania si adatterà ad essa attraverso nuove forme. Per svolgere questo studio, i ricercatori di dscout hanno installato un’app negli smartphone dei 94 volontari per tenere traccia di ogni movimento sul display per cinque giorni, consecutivi 24 ore su 24. I contatti più lunghi riguardano la lettura o Netflix ma sono rari, la maggior parte delle volte le sessioni sono rapide. Lo studio ha rilevato che l’87% degli utilizzatori ha toccato lo smartphone almeno una volta da mezzanotte alle cinque del mattino. Il chirurgo della mano, Mark Ciaglia, ha detto che sono in aumento l’artrite e varie infiammazioni articolari, dovute all’uso ossessivo di giochi e alla composizione di messaggi.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati