Il sindaco ordina di bere: l'ordinanza che ha conquistato il web

In occasione del Carnevale estivo di Gallese, il Sindaco ha fatto un’ordinanza errata, spronando tutti a bere: ecco le reazioni del web

Sindaco Gallese
Fonte: Facebook

Il 22 e 23 luglio a Gallese, in provincia di Viterbo, si è tenuta una delle feste più attese dell’anno: il Summer Mask & Holi, conosciuto anche come il Carnevale estivo. Per 6 ore la città laziale si è riempita di musica, spettacoli, colori e performance: non è un caso che sia stato definito uno degli eventi più colorati d’Italia. Insieme alla celebre Color Run infatti, il Summer Mask & Holi ha richiamato tutti gli amanti di questo tipo di evento internazionale. In occasione di tale celebrazione, il Sindaco di Gallese ha emesso un’ordinanza sbagliata in cui di fatto, ordinava a tutti di bere: in poco tempo questo errore ha conquistato il web.

L’ordinanza sbagliata è diventata virale

Nel documento ufficiale dell’ordinanza comunale appare scritto chiaramente che il Sindaco “ordina la vendita, la somministrazione di bevande superalcoliche da parte di chiunque a vario titolo ed in forme diverse… ordina il consumo di bevande superalcoliche da parte di chiunque”. Chiaramente si è trattato di un errore di battitura o di un copia incolla sbagliato, in cui è stata inserita la scritta “ordina” invece che “vieta”.

L’ordinanza è diventata virale in poche ore ed è inutile dire che il Sindaco di Gallese ha scatenato l’ironia della rete. Dopo poco tempo dalla pubblicazione dell’ordinanza, su Facebook è apparso l’evento chiamato “sfondarsi di alcol con il Sindaco di Gallese” nel quale hanno confermato la partecipazione circa 1,4 mila persone e altre 5,7 mila hanno confermato il loro interesse. Il fatto è diventato virale e il pubblico del web si è scatenato con battute e frasi ironiche sul fatto di bere a non finire durante l’evento. Danilo Piersanti, Sindaco di Gallese, ci ha tenuto a specificare che si è trattato chiaramente di un errore di battitura e che invece, proprio in occasione dell’evento, era vietata la vendita e la somministrazione di bevande superalcoliche al fine di tutelare l’incolumità pubblica e di garantire la sicurezza urbana. Infatti il documento è stato prontamente corretto e pubblicato nuovamente sull’Albo Pretorio.

Quel che è certo è che il Sindaco di questo piccolo comune laziale è diventato il più famoso in Italia, ma soprattutto il più famoso sul web.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti