Imperdibili

Smart cities e Millennials, le nuove città devono essere giovani

Secondo i Millennials, le smart city non sono sufficienti: è necessario che ci siano più città giovani per venire meglio incontro alle esigenze delle nuove generazioni

Le smart city sono argomento scottante e se ne parla sempre di più, ma i Millennials vogliono le città giovani. Si tratta della nuova generazione, quella composta da coloro che sono nati dalla fine degli anni 80. Queste città giovani sono simili alle smart city ma con molte più opportunità per divertirsi. Per cercare di far fronte a tali esigenze, è nata l’organizzazione YouthfulCities, con sede a Toronto, in Canada.

La YouthfulCities si occupa di organizzare sondaggi, diretti ai giovani tra i 15 e i 34 anni, per capire tutto ciò che essi vogliono nella città in cui vivono. Prima cosa fra tutte è la connettività, presente già nel progetto delle smart city. È vero che i social creano problemi di depressione e dipendenza ma, oggi, sono fondamentali. Tuttavia, i Millennials hanno una mente aperta e vogliono anche vivere in un luogo che sia libero e privo di pregiudizi.

A detta della co-fondatrice della YouthfulCities, Sonja Miokovic, la nuova generazione ha, senza ombra di dubbio, una grande forza economica e sociale. Non è quindi una sorpresa che i leader mondiali siano interessati a scoprire il segreto del successo, per avere il primato nel creare ciò che i Millennals cercano. Infatti, non a caso, città come Londra, San Pietroburgo e New York attirano molti più giovani rispetto ad altre come Dallas o Roma.

Il futuro del mondo sarà probabilmente determinato dal progresso dell’urbanizzazione e le città giovani saranno quindi sempre di più. È stato infatti stimato che, entro il 2025, saranno spesi circa 1.4 trilioni di dollari, per effettuare questi cambiamenti nelle 100 città più grandi del mondo (ad oggi ce ne sono poco più di 25). Ciò vuol dire che quasi un bilione di persone vivrà in un luogo dove le parole d’ordine saranno connettività, divertimento, libertà, dinamismo, curiosità e creatività.

Tra le città giovani che ad oggi sono riuscite a rientrare in questi parametri, spicca sicuramente Toronto. In Nord America ci sono anche Los Angeles, New York, Chicago e Montreal. Hanno tuttavia avuto successo anche Città del Messico, Brasilia, Londra, Berlino, Mosca, Praga e tante altre. Per quanto riguarda l’Italia, Milano e Roma sono interessate al progetto. Per motivi principalmente economici sarà un’impresa ardua ma, sapendo che ne va del futuro del turismo giovane, i tentativi non mancheranno.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati