Sognare a occhi aperti crea dipendenza. Lo dice la scienza

Secondo alcuni ricercatori israeliani, sognare ad occhi aperti non è solo una fuga dalla realtà ma può condurre ad una vera e propria dipendenza

Fonte: flickr

Sognare ad occhi aperti, secondo alcuni ricercatori, crea dipendenza e dovrebbe essere considerato un disturbo di salute mentale. È normale che la nostra mente vaghi di volta in volta in cerca di una piacevole pausa dalla realtà, sfuggendo l’ansia e le preoccupazioni di tutti i giorni, ma per molti soggetti i costanti e ripetuti sogni ad occhi aperti possono influenzare negativamente la vita quotidiana. È stato quindi creato un nuovo termine, “maladaptive daydreaming” (MD), per identificare tutte quelle persone che vivono questa condizione: talmente immerse nelle loro fantasie da non riuscire più a svolgere le loro usuali attività e il loro lavoro.

Nell’ultimo studio condotto da Eli Somer dell’Università di Haifa in Israele sono stati esaminati 340 sognatori auto-classificatisi come affetti da “maladaptive daydreaming”. Secondo i risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista Consciousness and Cognition, questi individui passano mediamente il 57% delle loro giornate immersi nelle loro fantasie, con picchi addirittura del 69%. Per fare un confronto, le persone che non soffrono di questo disturbo passano solo il 16% del loro tempo a sognare ad occhi aperti. La conclusione alla quale sono quindi arrivati i ricercatori è che il “maladaptive daydreaming” dovrebbe essere considerato e trattato come un vero e proprio disturbo di salute mentale.

Gli scienziati hanno sottolineato che i soggetti affetti da MD hanno alti tassi di deficit di attenzione e sintomi di tipo ossessivo compulsivo; inoltre hanno scoperto che nei sogni ad occhi aperti privilegiano idealizzare sé stessi e confrontarsi con personaggi immaginari o con celebrità. Quasi tutti i sognatori, per lo più timidi e socialmente isolati, hanno convenuto che le loro fantasie interferiscono con gli obiettivi, le relazioni interpersonali ed il lavoro. Molti hanno anche ammesso di essere vittime di una dipendenza e circa un quarto degli intervistati ha riconosciuto di essere sopravvissuto ad un trauma e che sognare ad occhi aperti rappresenta quindi una vera e propria via di fuga.

Da quanto emerge dalla ricerca, al contrario degli schizofrenici, i sognatori MD continuano comunque a riconoscere la differenza tra fantasia e realtà. Molti esperti sono scettici riguardo a questo tipo di studi e la medicina tradizionale non riconosce il “maladaptive daydreaming” quale disturbo di salute mentale. Somer e il suo team però non si fermano e continuano ad approfondire le diverse metodologie per diagnosticare e per trattare questa condizione: all’inizio di quest’anno hanno creato uno strumento, il Maladaptive Dreaming Scale (MDS), per misurare il grado di sogni ad occhi aperti.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti