Imperdibili

Stazione spaziale cinese in rotta di collisione con la Terra

Stazione spaziale cinese e collisione con la terra sono legati da un pericolo imminente? Scopriamo i dettagli che ci arrivano direttamente dalla base e dagli esperti

Fonte: Creative Commons

La prima stazione spaziale cinese, la Tiangong 1, dopo aver trascorso 1630 giorni nel gelo dello spazio e al servizio degli astronauti, viene dichiarata ufficialmente fuori dalla commissione dell’agenzia spaziale. Durante il periodo di attività, è arrivata ad ospitare astronauti per ben due volte, quindi rappresentando un vero e proprio successo per il programma spaziale della nazione del sol levante. Nonostante gli ottimi risultati raggiunti, tutti si pongono alcune domande, specialmente dopo questo annuncio: quale sarà il destino della stazione spaziale? E’ possibile che si rischi un eventuale collisione con la terra?

Molti esperti pensano che l’annuncio dato dall’agenzia, riguardo la fine della missione che coinvolgeva la Tiangong 1, risulti essere piuttosto vago e privo d’informazioni. Alcuni sostengono che la stazione spaziale cinese sia stata mandata in pensione per nascondere alcuni problemi che potrebbero causare un pericolo. La più grande paura da parte delle agenzie spaziali è che i cinesi abbiano perso totalmente il controllo della stazione, e tutto ciò potrebbe drasticamente causare situazioni di collisione pericolose.

Altri ritengono che il rientro nell’atmosfera, da parte di oggetti o satelliti, non più funzionanti in modo del tutto sicuro, sia un problema ormai abbastanza conosciuto, che fino ad ora non ha generato danni. Tuttavia in questo specifico caso c’è da considerare che l’oggetto non controllato, a far rientro nell’atmosfera, è una stazione spaziale. Ciò conduce a una situazione diversa rispetto a quelle già affrontate in passato. La struttura interiore della stazione spaziale cinese, e la sua stessa mole, rendono impossibile prevedere se vi sarà una collisione a terra o meno.

In questo momento la Cina avrebbe diverse soluzioni affinché non si verifichi una tragedia. Ad esempio, in alcune dichiarazioni, diversi tecnici specializzati sostengono che si potrebbero impiegare alcune navette progettate dai cinesi come una sorta di rimorchio, così da guidare la stazione spaziale cinese su un vettore di rientro corretto e che non comporti rischi per la popolazione a terra. Un po’ come si fece con la Mir. Da considerare il fatto che, ad oggi, quel tipo di navetta viene usato per correggere le variazione nell’orbita della stazione spaziale internazionale. Oppure utilizzando alcuni missili capaci di abbattere altri missili o eventualmente dei satelliti fuori controllo.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati