0, 5, 1, 0, 0, 3, 0 trend

Stephen Hawking: "Captati 15 segnali misteriosi dallo spazio"

Stephen Hawking torna a parlare degli alieni, rivelando che sarebbero stati captati ben 15 segnali misteriosi provenienti dallo spazio

“Sono stati captati 15 segnali misteriosi dallo spazio”. A parlare è Stephen Hawking, che ha annunciato la scoperta di tracce di vita aliena. I segnali, secondo quanto rivelato dall’esperto di astrofisica, arrivano da una galassia nana che si trova a 3 miliardi di anni luce. Gli impulsi radio potrebbero provenire, per Hawking, da una civiltà extraterrestre.

Anche se la notizia ha emozionato chi da tempo sostiene l’esistenza degli alieni, lo studioso sembra molto più cauto sulla questione. Da tempo infatti lo scienziato sconsiglia di mettersi in contatto con gli extraterrestri. Il motivo? Per Stephen Hawking potrebbe essere pericoloso. “Avrebbero per noi lo stesso interesse che noi abbiamo per i batteri – ha svelato -, e se ci andasse bene ci tratterebbero come Cristoforo Colombo trattò gli indigeni che incontrò nel nuovo mondo”.

In realtà un incontro è piuttosto improbabile visto che i segnali radio captati sarebbero stati emessi oltre 3 miliardi di anni fa, ossia quando la Terra aveva 2 miliardi di anni e c’erano solamente forme di vita unicellulari. Ciò significa che chi li ha inviati dovrebbe essere morto da tempo, mentre se inviassimo una risposta quando il messaggio arriverà la nostra civiltà si sarà già estinta.

I segnali sono stati individuati durante il Breakthrough Listen Project, progetto guidato da Stephen Hawking e finanziato dall’uomo d’affari russo Yuri Milner con 100 milioni di dollari. La precisa provenienza dei segnali comunque resta ancora un mistero. Per alcuni potrebbero essere stati emessi dai veicoli degli alieni, per altri invece arriverebbero da una stella di neutroni. “Non abbiamo idea da dove i segnali provengano – ha svelato Vishal Gajjar, del Berkeley Research Centre -. Ci sono solo 30 sorgenti di questi segnali nell’Universo e una sola che si ripete. Dobbiamo studiarla ancora. Ci sono più teorie che fonti di segnali, più domande che risposte. Più studiamo e più troviamo cose strane”.

Storie dal web

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti