Stephen Hawking, l'allarme del fisico: “Ci estingueremo"

In alcuni interventi, il noto fisico ha manifestato le proprie perplessità non solo in merito all'intelligenza artificiale

Fonte: Getty Images

Il noto fisico Stephen Hawking ha lanciato il suo allarme, in una recente intervista rilasciata al Times. “Dal momento che la civiltà ha iniziato l’aggressione è stata utile in quanto presenza i vantaggi della sopravvivenza. Ora però la tecnologia è avanzata ad un tale ritmo che questa aggressione potrebbe distruggere tutti noi dalla guerra nucleare o biologica. Abbiamo bisogno di controllare questo istinto ereditato dalla nostra logica e ragione”.

Riflettendo sulla sua vita, ha espresso dubbi circa la conquista del premio Nobel per le sue ricerche sui buchi neri a causa della mancanza di osservazioni che confermano il ritrovamento, ma ha anche raccontato i successi che ha goduto nella sua carriera, la famiglia, i viaggi fino a questo momento.

Di recente ha compiuto 75 anni ed è stato onorato con il prestigioso del premio città di Londra per il suo lavoro scientifico. Il professore di fisica dell’Università di Cambridge aveva già espresso preoccupazione sullo stato in cui versa l’umanità, in un commento affidato al Guardian. “L’aspetto davvero importante del vivere oggi, rispetto a qualsiasi altro momento della nostra storia, è che la nostra specie ha bisogno di lavorare insieme”.

Un momento, quindi, di grande innovazione ma anche di estrema pericolosità per lo sviluppo dell’umanità. “Credo che la vita sulla Terra è a un rischio crescente di essere spazzato via da una catastrofe, come ad esempio una guerra nucleare improvviso, un virus geneticamente modificato, o altri pericoli” ha detto.

Addirittura, il professor Hawking parlando a un evento a Londra all’inizio di quest’anno ha detto in merito alla questione alla BBC: “Lo sviluppo di una piena intelligenza artificiale potrebbe significare la fine della razza umana”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti