Street food a Palermo, 'sfincione' venduto a suon di musica dance

Se siete stati almeno una volta a Palermo, di sicuro avrete incrociato il venditore di ‘sfincione’, una delle prelibatezze dello street food del capoluogo siciliano.

Per chi non lo conosce, questo prodotto tipico della gastronomia palermitana è inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Gli ingredienti dello sfincione sono il pane pizza e una salsa a base di pomodoro, cipolla, acciughe, origano e pezzetti di formaggio.

Caratteristica dello sfincione è anche la sua vendita a bordo degli Ape Piaggio che in palermitano diventano ‘lapini’.

Ebbene, uno dei tanti venditori della città sta spopolando in questi giorni sul web perché ha scelto di farsi accompagnare da una versione remixata della famosa ‘abbaniata’ (termine dialettale siciliano che sta per vendere la merce ad alta voce), perfetta per essere ballata anche in discoteca.

Prima di passare al video, è giusto scoprire e tradurre le parole dell’abbannio dello ‘sfincionaro’ palermitano:

  • Chi beddu ciavuru! Ora u sfurnavu, uora!” (Che buon profumo! Ora l’ho sfornato, ora!);
  • Io u pitittu ci fazzu grapiri!” (Io l’appetito ci faccio aprire!);
  • Chistu è sfinciuni ra biedda veru, chi ciavuru!” (Questo è uno sfincione davvero ottimo, che profumo!);
  • Scarsu r’oghhiu e chinu ri privulazzo!” (Scarso d’olio e pieno di polvere… perché si vende per strada e, per risparmiare, non c’è troppo olio).

E ora il video, girato dalla giornalista Rosaura Bonfardino per Palermo Today, in corso Vittorio Emanuele, una delle strade principali della città siciliana, e su Facebook ha già superato le 80.000 visualizzazioni:

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti