0, 0, 0, 1, 0, 0, 0 trend

Striscia perdona il Buon Fabio: "Ingannato da Mingo"

Striscia la Notizia ha deciso di perdonare il Buon Fabio, l’ex inviato sarebbe stato ingannato dal collega Mingo, accusato di aver ideato dei servizi falsi per il tg di Antonio Ricci

Pace fatta fra Striscia la Notizia e il Buon Fabio, l’inviato che in coppia con Mingo aveva realizzato una serie di servizi per il tg satirico risultati poi falsi.

“Nelle ultime settimane – si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa di Striscia la Notizia – Fabio De Nunzio ha spiegato di essere stato lui stesso ingannato dal suo ex compagno Domenico De Pasquale, che dapprima lo aveva tenuto all’oscuro della falsità di alcuni dei servizi trasmessi nel 2013. Le indagini della Procura di Bari hanno confermato che Mingo e la moglie hanno operato unilateralmente, ‘taroccando’ alcuni servizi in danno di Striscia e all’insaputa dello stesso Fabio”.

Antonio Ricci ha dunque deciso di perdonare il Buon Fabio, che avrebbe fatto l’unico errore di fidarsi di Mingo e ha più volte “espresso dispiacere per l’accaduto, rammaricandosi di non essersi accorto di nulla e smarcandosi finalmente dal suo vecchio socio”. “Alla luce delle risultanze investigative e della netta presa di distanza di Fabio – conclude Striscia la Notizia in una nota – Striscia ritiene dunque di poter credere alla buona fede del suo ex-inviato, che dal canto suo ringrazia e conferma la sua stima per il lavoro di Striscia la Notizia”.

Secondo la Procura di Bari, Domenico De Pasquale, detto Mingo, con la complicità della moglie avrebbe truffato Striscia la Notizia e Mediaset per 170mila euro. L’ex inviato del tg satirico si sarebbe fatto pagare per dieci servizi risultati poi falsi e ideati utilizzando attori e inventando episodi mai accaduti. Il tutto sarebbe accaduto senza che Fabio sapesse nulla. “Partiamo dal fatto che io e Mingo, da qualche anno, non andavamo d’accordo – aveva raccontato qualche tempo fa il Buon Fabio parlando delle vicende giudiziarie che avevano coinvolto il duo comico – come succede a tante coppie che stanno insieme da tanti anni sia nel mondo dello spettacolo, sia nella vita. Infatti, negli ultimi anni, erano Mingo e sua moglie che si occupavano dell’organizzazione dei servizi. Di conseguenza io ero tenuto all’oscuro di ciò che veniva organizzato e venivo avvisato soltanto nel momento della registrazione. Mi comunicavano il luogo e l’ora e io arrivavo pronto a registrare”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti