Svelato il DNA degli Antichi Greci: ecco la scoperta

I greci conservano nel loro DNA i geni degli antichi eroi ellenici, come Agamennone e Minosse: lo ha svelato uno studio

Un team di ricercatori dell’Università di Washington hanno analizzato il materiale genetico di 19 individui per arrivare alla conclusione che i greci conservano nel loro DNA le tracce degli antenati mitologici, come Agamennone che fu il re di Micene e Minosse, famoso re di Creta. Lo studio è riuscito ad evidenziare come il DNA della civiltà micenea e di quella minoica fosse molto simile. Oggi quindi si ha una mappatura precisa del corredo genetico di queste antiche popolazioni, in modo da avere più chiarezza anche sulle origini della popolazione Mediterranea attuale.

Minoici e Micenei corrispondono rispettivamente alla cultura cretese e a quella della Grecia continentale che un tempo erano in opposizione, ma oggi grazie allo studio dell’Università statunitense, si sa che le due popolazioni erano in realtà molto più simili di quanto si potesse credere. L’analisi è stata condotta sugli scheletri di 10 cretesi vissuti tra il 2.900 e il 1.700 a.C., 4 micenei vissuti tra il 1.700 e il 1.200 a.C. e 3 abitanti dell’Anatolia sud-occidentale vissuti tra il 2.800 e il 1.800 a.C. George Stamatoyannopoulos, il direttore della ricerca, in seguito ha confrontato gli antichi genomi con quelli di altre 330 persone delle epoche passate e infine con 2.600 esseri umani di oggi. Da ciò è emersa una mappa precisa del DNA greco da cui emerge che gli antichi micenei e i minoici condividessero i ¾ del loro DNA con le popolazioni migrate dall’Anatolia verso la Grecia e verso Creta.

La ricerca è riuscita però ad andare ancora più a fondo ed è stato scoperto che i micenei avevano tracce ancora più antiche nel DNA, derivanti dai pastori del Caucaso e dell’Iran: è ufficiale quindi che i greci si siano mescolati con le popolazioni dell’Asia centrale, in particolare dell’Armenia e dell’Iran. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature, ha scatenato anche alcune osservazioni da parti di esperti che non erano stupiti nell’apprendere quindi che i greci avessero tracce nel DNA degli antichi eroi, proprio come era stato già decantato dai celebri Erodoto e da Omero. Questa importante scoperta ha aperto un ulteriore dibattito sul ruolo della genetica nello studio della storia, mostrando le infinite potenzialità di questo tipo di ricerche.

Storie dal web

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti