Toni Servillo è Berlusconi: la prima foto di "Loro" di Sorrentino

Toni Servillo è Silvio Berlusconi nella prima foto dal set di "Loro", il nuovo film di Paolo Sorrentino

Fonte: Twitter

Toni Servillo è Silvio Berlusconi nella prima foto di “Loro”. L’attore è il protagonista del nuovo film di Paolo Sorrentino. Per ora il regista non ha ancora svelato nulla e gli attori sono ancora sul set per girare alcune scene. A stuzzicare la fantasia del pubblico però è arrivata un’immagine ufficiale in cui vediamo l’attore napoletano nei panni del politico.

L’immagine è stata pubblicata dalla Indigo Film, azienda produttrice della pellicola in coproduzione con Pathé che si occuperà delle vendite internazionali. In Italia il film è stato acquistato dalla Focus Features e verrà distribuito da Universal Pictures.

Secondo le prime notizie non è stato semplice per Toni Servillo calarsi nei panni di Silvio Berlusconi, ma guardando questa foto sembra che l’attore ci sia riuscito alla perfezione. Dopo “Il Divo”, in cui interpretava Andreotti, e “La Grande Bellezza”, con cui ha vinto l’Oscar, l’artista è tornato a lavorare con Paolo Sorrentino in “Loro”. D’altronde solo lui poteva vincere la sfida e riuscire a incarnare a pieno Silvio Berlusconi. L’ex premier che, dalla sua discesa in campo nel 1994 sino ad oggi, ha segnato inevitabilmente la politica e la scena italiana.

Per ricostruire la storia privata e pubblica del politico Sorrentino ha condotto lunghe ricerche insieme a Toni Servillo, incontrando anche Veronica Lario, ex moglie di Silvio Berlusconi. Nel frattempo cresce l’attesa per l’uscita del film “Loro”. Come sarà? A giudicare dalla foto l’attore napoletano è riuscito, almeno fisicamente, a imitare il Cavaliere, diventando il suo sosia.

Qualche tempo fa l’artista aveva svelato di calarsi così tanto nei panni dei suoi personaggi, da diventare un tutt’uno con loro: “Tutti giorni mi scrivo tutte le battute del personaggio su decine e decine di bloc-notes – aveva spiegato -, e, in questo atteggiamento materico, vi è il mio rapporto quotidiano con l’unità del personaggio. Me lo metto davanti, lo guardo nella sua complessità, in modo che, poi, rispetto al singolo frammento, posso essere quanto più possibile preparato”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti