È stato scoperto l'astrolabio delle navi di Vasco Da Gama

Gli archeologi hanno portato alla luce dal mare l'astrolabio di Vasco Da Gama, considerato lo strumento di navigazione più antico al mondo

Nelle profondità del mare in Oman è stato trovato l’astrolabio delle navi di Vasco Da Gama. Si tratta dello strumento di navigazione più antico al mondo e di un reperto dal valore inestimabile. Quando i sub l’hanno portato in superficie si sono resi immediatamente conto che si trattava di qualcosa di prezioso, ma non potevano immaginare quanto fosse importante.

Lo strumento risale ad un periodo fra il 1495 e il 1500. Si tratta di una sorta di disco con un diametro di 17,5 cm che in passato veniva utilizzato per misurare l’altezza del sole durante le lunghe navigazioni. Il reperto è stato ritrovato nel 2014 dall’esploratore David Mearns, ma solo oggi gli studiosi sono riusciti a stabilire che apparteneva all’Esmeralda, una delle navi della spedizione di Vasco Da Gama. Il celebre avventuriero portoghese è passato alla storia per essere stato il primo a navigare dall’Europa sino all’India.

La nave naufragò nel 1503 a causa di una tempesta, affondando nell’Oceano Indiano, poco distante dalle coste dell’Oman. Proprio in questo punto gli archeologi hanno ritrovato numerosi reperti. “È davvero un grande privilegio trovare qualcosa di così raro – ha detto Mearns, a capo della spedizione -, qualcosa di così storicamente importante e che sarà studiato dalla comunità archeologica. Il disco aveva due emblemi significativi notati appena lo abbiamo recuperato”.

Quest’ultimo dettaglio è stato fondamentale per datare il reperto storico. Su di esso infatti si trovava lo stemma di Dom Manuel I, re del Portogallo, che ha permesso di stabilire che l’astrolabio fosse del 1500. “Sappiamo che doveva essere stato realizzato prima del 1502 – ha svelato Mearns -, perché fu allora che la nave lasciò Lisbona. E sappiamo che Dom Manuel non è diventato re fino al 1495: l’astrolabio non avrebbe mai portato l’emblema prima che venisse incoronato. Dunque, crediamo sia databile fra il 1495 e il 1500, anche se non sappiamo l’anno esatto. Ora speriamo di riuscire a trovarne altri”.

Storie dal web

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti