Tutto quello che non sai sull'arcobaleno

Sicuri di sapere tutto sull’arcobaleno? Ecco alcune cose che nessuno sa sul fenomeno meteorologico più suggestivo di sempre

Tutti conosciamo l’arcobaleno, eppure pochi conoscono i suoi segreti. Questo fenomeno atmosferico infatti nasconde delle caratteristiche di cui pochissime persone sono a conoscenza. Partiamo dalle basi: come si forma l’arcobaleno?  Questo fenomeno meteorologico si verifica dopo un temporale quando la luce del Sole riesce ad attraversare le gocce d’acqua rimaste in sospensione. Solitamente è formato dai sette colori principali: rosso, arancione, giallo, verde, azzurro, indaco e violetto. Il modo migliore per ammirarlo è posizionarsi nella zona in cui il cielo è terso, mentre l’arcobaleno si trova ancora fra le nuvole di pioggia. I suoi segreti sono molteplici e sono uno più affascinante dell’altro.

Prima di tutto si può vedere di notte. In tal caso è denominato arcobaleno lunare ed è bianco. Si tratta di un fenomeno ottico molto raro, che si verifica solamente quando la luce della luna è particolarmente intensa e il cielo è e avviene in condizioni di cielo pulito.

Un’altra caratteristica degli arcobaleni è il fatto che non si possono vedere a mezzogiorno. Le ore migliori per ammirarlo infatti sono la mattina e la sera, in queste ore infatti i raggi del sole riescono a colpire le gocce d’acqua ad un’angolazione giusta pari a 42 gradi. A mezzogiorno tutto questo è impossibile perché il sole è troppo alto.

Secondo alcune leggende alla fine dell’arcobaleno sarebbe nascosta una pentola d’oro. Nessuno però è mai riuscito a giungere a questo punto. Il motivo? La fine dell’arcobaleno non c’è perché se noi ci spostiamo anche quest’ultimo si sposta, trattandosi di un fenomeno ottico. Per lo stesso motivo due persone vicine non riescono mai a vedere lo stesso arcobaleno. Il suo centro infatti si trova sempre nella linea che congiunge l’occhio di chi lo osserva al sole.

Infine non è possibile distinguere tutti i colori dell’arcobaleno. Noi ne vediamo solamente sette (rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco, violetto), in realtà però i colori dell’arcobaleno sono molti di più, addirittura milioni.

In collaborazione con Adnkronos

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti