Usa, arriva l'avvocato per cani e gatti

Negli Stati Uniti la legge ha stabilito la possibilità di istituire un avvocato d'ufficio per difendere cani e gatti nella cause

Da oggi negli Stati Uniti anche cani e gatti avranno il loro avvocato. Accade nelle aule di tribunale in Connecticut, dove gli animali domestici avranno a disposizione un legale per difendere i loro diritti. I quattro zampe in questo modo saranno tutelati in caso di incuria, maltrattamenti e soprusi.

La nuova legge è stata approvata dal legislatore dello stato americano e riconosce al giudice la possibilità di scegliere un avvocato d’ufficio nei casi che vedono coinvolti cani e gatti. Il legale dovrà tutelare gli animali, agendo nel loro interesse nel caso in cui siano stati vittime di crudeltà o ingiustizie.

Questo nuovo rivoluzionario regolamento è stato proposto, appoggiato e promosso dall’Animal Legal Defense Fund, che da sempre si batte a favore dei diritti degli animali. Il rappresentante della fondazione, David Rosengard, ha commentato la notizia affermando che si tratta di un grande passo in avanti per consentire la tutela di tutti i quattro zampe.

“È un provvedimento che fa da apripista. Per ottenere giustizia in aula serve una terza voce” ha spiegato Rosengard. La legge è la prima di questo genere negli Stati Uniti e le associazioni animaliste sperano che possa essere estesa anche agli altri stati americani, per garantire una vita migliore a cani e gatti e condanne severe a chi li maltratta.

“Sono innocenti – ha detto Diana Urban, fra i promotori della legge -. In realtà non hanno una voce e sono deboli e indifesi. Era giusto assicurargli la possibilità di essere difesi”.

“Abbiamo una sconnessione tra il modo in cui le persone gestiscono i loro animali e come la legge li considera – ha spiegato Kathy Hessler, docente presso la Lewis & Clark Law School che insegna legislazione degli animali -. Ad oggi sono gli unici esseri senzienti che vengono inseriti nella categoria di proprietà”. Con l’istituzione di un avvocato per cani e gatti però le cose potrebbero cambiare.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti