0, 4, 4, 2, 0, 0, 1 trend

Usa, bimbi malati di leucemia diventano piloti per un giorno

Jack e Houston sono molto malati, ma questo non gli ha impedito di realizzare il loro sogno: diventare piloti per un giorno

Fonte: Twitter

Negli Stati Uniti i bimbi malati di leucemia diventano piloti per un giorno, realizzando il loro sogno. Houston Pirrung e Jack Kirkbride hanno sei anni e da diverso tempo combattono contro questa terribile malattia. Venerdì hanno ritrovato il sorriso, dopo un periodo buio e difficile, trasformandosi in “piloti per un giorno” alla Joint Base Andrews nel Maryland.

Jack e Houston si sono conosciuti durante il loro ricovero nell’ospedale John Hopkins Hospital, nella zona di Annapolis, negli Stati Uniti, e da allora sono diventati migliori amici. La Check-6 Foundation, che fornisce supporto a bambini e veterani militari in difficoltà, è rimasta molto colpita dalla loro storia e ha deciso di regalargli una “giornata da piloti”.

“I due bambini hanno sviluppato un legame immediato – ha spiegato un responsabile dell’associazione – giocando con le auto, affrontando avventure nei corridoi dell’ospedale e combattendo il cancro come dei veri compagni di squadra”.

Houston e Jack hanno raggiunto la base militare nel Maryland e hanno indossato entrambi le uniformi da pilota. I bambini hanno visitato la struttura, sono saliti sugli aerei e hanno anche provato un simulatore di volo. Non solo: Houston e Jack sono riusciti a volare su un Boeing C-40 Clipper insieme a dei piloti esperti. Nel corso della giornata i piccoli hanno ricevuto il titolo di tenete generale.

“Sono generali a tre stelle – ha spiegato il padre di Houston -. Non potevano essere più felici”. Nel 2016 al bambino è stata diagnosticata la leucemia, da allora il piccolo ha combattuto per sconfiggere la malattia e l’amicizia con Jack, come ha confermato anche il papà, l’ha aiutato molto.

“È stata una benedizione per tutti noi – ha spiegato -. È stato bello per loro avere un’altra piccola persona che stava attraversando quello che stavano vivendo”.

Jack invece combatte una rara forma di leucemia dal 2015 e di recente ha iniziato un nuovo trattamento. “Cerchiamo di affrontare un giorno alla volta – ha detto il suo papà -. Ma è bello vederlo sorridere”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti