Viaggi

Viaggio in Albania: tutto sulle città di Tirana e Durazzo

Se state organizzando una vacanza in Albania e volete qualche consiglio, ecco tutti i monumenti, le chiese, i musei e le piazze da non perdere

Fonte: google

Oggi sono sempre più numerosi gli italiani che per turismo o per lavoro decidono di recarsi in Albania. Tirana non è ancora una vera e propria meta turistica. Tuttavia, essa mostra un fervente impulso commerciale e urbanistico. Nel cuore di questa città si concentrano infatti numerosi negozi, bar e gelaterie.

L’aeroporto di Tirana è l’unico aeroporto internazionale dell’Albania. Noto anche come Aeroporto Internazionale di Tirana-Nënë Tereza o Aeroporto Internazionale di Rinas, esso si trova a 25 chilometri da Tirana, presso la cittadina di Rinas. Da qui, grazie a un efficiente trasporto pubblico urbano, è possibile raggiungere il centro cittadino senza alcuna difficoltà.

Cosa vedere a Tirana

Se siete amanti dello shopping, c’è per voi Mishira Shiry Ginota. Se invece preferite la cultura, nella città di Tirana si trova l’ortodossa Cattedrale della resurrezione, la terza più grande di tutta Europa e dotata di un imponente campanile. Oltre a quanto appena citato, a Tirana trovate anche il museo di storia nazionale, il teatro e la torre civica.

Oltrepassando la piazza, sarete già in via Kavajes, in cui sono presenti sia la chiesa cattolica che quella ortodossa. Sulla sponda opposta del piccolo fiume Lana si trova la cattedrale cattolica di San Paolo, una struttura assai moderna che all’esterno presenta una suggestiva statua di Madre Teresa di Calcutta, religiosa originaria proprio dell’Albania, Paese da esplorare che si affaccia sul Mediterraneo. All’interno vi è una spettacolare vetrata colorata raffigurante madre Teresa insieme a Giovanni Paolo II.

Piazza Skanderbeg

Nel cuore della città di Tirana, posta esattamente su via Gurakugi, c’è una tappa d’obbligo per tutti i turisti: l’imponente Skandenberg. Questa è una delle piazze più belle e note di tutta la città. Essa ospita la celebre Torre dell’orologio, dalla quale è possibile ammirare dall’alto l’intero centro cittadino.

La piazza è uno dei simboli che contraddistinguono la città, nonché vecchio palcoscenico del regime comunista. A dominare la scena c’è la statua dell’eroe nazionale a cavallo, che riuscì a tenere lontani i turchi. Nei pressi della piazza, troverete la piccola moschea Et’hem Bey con i suoi magnifici affreschi.

La città di Durazzo

La città di Durazzo è un vivace centro turistico ricco di un interessante patrimonio artistico. Da qui è visibile l’Italia, raggiungibile in poche ore di traghetto. Appena si giunge al porto di Durazzo, si ha quasi l’impressione di essere approdati in un enorme e caratteristico bazar tra cartelloni pubblicitari e gente urlante. Ma allontanandosi verso il centro, tutto cambia. La quiete e tranquillità la fanno da padrona, incorniciando perfettamente il paesaggio abbracciato dal mare e dalle colline, immerso in un mix unico di colori della natura.

Durazzo ospita l’anfiteatro, il Municipio e la Grande Moschea. Quest’ultima è posta proprio nel cuore antico della città. La moschea originale in realtà risale al primo Cinquecento, all’indomani della conquista turca. Nel 1979 la struttura venne colpita da un terribile terremoto e lasciata per anni all’incuria generale. Finalmente, nel 1993 la moschea ottenne dei lavori di restauro con cui è tornata al suo antico splendore. Testimonianza della dominazione turca della città è anche la Moschea di Fatih, costruita sulle fondamenta di una basilica medievale.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati