Vidal e Ribery non ci stanno: ironia sui social

I due giocatori del Bayern Monaco polemizzano su Instagram riguardo i gravi errori arbitrali commessi da Kassai sui due gol di Ronaldo

Fonte: Screenshot tratto da Instagram

La gara di Champions League tra Real Madrid e Bayern Monaco di martedì sera rimarrà impressa a lungo nella memoria dei tifosi bavaresi. Gli indiscutibili errori arbitrali del direttore di gara, l’ungherese Viktor Kassai, e dei suoi assistenti hanno penalizzato di gran lunga la squadra di Ancelotti, a cui stava riuscendo l’impresa di rimontare l’1-2 della gara d’andata. I due gol di Cristiano Ronaldo, viziati entrambi da un evidente posizione irregolare del portoghese, e il generosissimo secondo cartellino giallo rifilato ad Arturo Vidal hanno scatenato la furia dei tifosi tedeschi… ma non solo.

Lo stesso giocatore cileno espulso al minuto 88 e il suo compagno di squadra Franck Ribery si sono sentiti in dovere di dire la loro opinione ironizzando sia sulle scelte dell’arbitro sia su quelle dei guardalinee. Il francese ha caricato tre immagini su Instagram  in cui ha tracciato con photoshop una linea immaginaria che simula ironicamente la posizione regolare di Ronaldo in occasione della rete del 2-2, aggiungendo l’amara didascalia: “Un anno di duro lavoro, grazie arbitro, bravo“. L’ex centrocampista della Juventus ha invece postato una foto molto divertente in cui evidenzia come la stessa rete sia colpa non del guardalinee, ma della difesa tedesca: con un pupazzo disegnato a mano tiene perfettamente in gioco CR7.

Lo stesso Vidal, dopo aver fatto irruzione (insieme a Lewandowski e Thiago) nello spogliatoio dell’arbitro Kassai con insulti, grida e minacce ha commentato così la partita di fronte ai giornalisti: “E’ stato un furto: i due gol di Ronaldo in fuorigioco, la mia espulsione esagerata, il rosso mancato a Casemiro… Cose così non dovrebbero accadere in Champions. Sul 2-1 per noi loro si sono spaventati e l’arbitro ha iniziato lo show”. La polizia è dovuta intervenire per impedire ai tre giocatori di aggredire il direttore di gara e sicuramente ci saranno delle ripercussioni nei confronti di un gesto che non può giustificare la frustrazione dei bavaresi per essere stati ingiustamente eliminati dopo un anno di sacrifici e sudore. E quando parole ingiuriose e sfoghi vistosi non bastano, per dire la propria opinione ci sono sempre… i social.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti