Sport

Vincenzo Montella e le difficoltà di allenare la Sampdoria

Vincenzo Montella dopo avere fatto sognare i tifosi blucerchiati da calciatore, si ripresenta come allenatore per risollevare la difficile stagione della Sampdoria

Fonte: wikimedia

Quando Vincenzo Montella ha assunto la guida tecnica della Sampdoria, successivamente all’esonero del precedente allenatore Walter Zenga, molti hanno sperato che l’ex calciatore blucerchiato potesse risollevare le sorti di una stagione fallimentare. Voluto fortemente dal presidente Ferrero, a conclusione di una febbrile trattativa volta a sciogliere i nodi contrattuali esistenti con la Fiorentina, Montella ha dichiarato di avere coronato un sogno approdando alla panchina della Sampdoria .

Purtroppo però la squadra, a distanza di quasi 5 mesi dall’inizio dell’avventura di Vincenzo Montella, continua ad avere una classifica estremamente deficitaria, che la pone a stretto ridosso della pericolosa zona retrocessione. Una condizione non preventivata ad inizio stagione. La difesa è il vero tallone d’Achille. Attualmente il numero di goals subiti dalla Sampdoria è paragonabile solamente alle squadre che navigano nelle ultimissime posizioni della Serie A. Si tratta di una delle peggiori statistiche della storia del club genovese.

Difficile dare una spiegazione univoca ai tanti problemi difensivi. Il reparto chiaramente non ha mai trovato il giusto amalgama ed ha troppo spesso pagato improvvise amnesie tecnico-tattiche di alcuni calciatori, che in talune partite hanno compiuto errori grossolani. Una brutta gatta da pelare per Vincenzo Montella, che fin qui ha costruito la propria fama di allenatore su un impianto di gioco coriaceo, allo stesso tempo spumeggiante ma sempre accorto, fatto di pressing e micidiali ripartenze. Non a caso l’attacco risulta essere uno dei migliori della serie A.

Del resto la Sampdoria vanta la presenza tra le proprie fila di calciatori di esperienza quali Quagliarella e Cassano . Una compagine a due velocità dunque, con un reparto offensivo da qualificazione all’Europa League e una difesa colabrodo. Probabilmente i giocatori blucerchiati patiscono mentalmente i risultati negativi e non hanno trovato le risorse per reagire, sebbene la Sampdoria si candidasse inizialmente ad una posizione di classifica a ridosso delle grandi squadre.

Vincenzo Montella gestisce una rosa non assemblata da lui durante la campagna acquisti estiva, ma rimangono poche giornate e deve raccogliere le ultime forze per assicurare ai blucerchiati la permanenza in Serie A.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati