0, 0, 1, 0, 1, 0, 0 trend

World Naked Bike Ride: tutti nudi in bicicletta per l'ambiente

In occasione del World Naked Bike Ride migliaia di persone hanno pedalato nude per l'ambiente

Fonte: Facebook

Nudi e in bicicletta per l’ambiente. Il World Naked Bike Ride è tornato anche quest’anno per celebrare la natura e sensibilizzare la popolazione mondiale riguardo il problema dell’inquinamento. L’iniziativa, che si svolge in ben 120 città, ancora una volta ha conquistato migliaia di appassionati che hanno scelto di pedalare completamente nudi.

La manifestazione mondiale è una protesta che si tiene ormai da ben quattordici anni nei cinque continenti. L’obiettivo è quello di gridare in modo palese ai politici di tutto il mondo la propria disapprovazione sul tema dello sfruttamento delle risorse naturali, in particolare del petrolio. Il suo utilizzo per i mezzi di locomozione infatti provoca danni ambientali gravissimi, causa guerre e ha un forte impatto sul sistema economico globale. Da qui la convinzione che andare in bici sia molto più green, salutare e faccia bene all’ambiente.

Nel corso del World Naked Bike Ride i ciclisti invadono in massa le città, salendo in sella alle loro bici senza veli. Non è obbligatorio spogliarsi completamente, la regola infatti è “as bare as you dare” (“tanto nudo quanto riesci ad osare”). Mentre molti partecipanti scelgono di spogliarsi completamente, rinunciando anche alle mutande, altri puntano sull’intimo o sul topless. In generale quasi tutti utilizzano il body painting per coprire alcune zone strategiche.

Come funziona? In ogni città si organizzano dei punti di raduno e da lì si parte in bici per le strade della metropoli. Da Londra a Guadalajara, in Messico, l’evento coinvolge da sempre migliaia di persone pronte a spogliarsi per il pianeta. L’Italia ha partecipato alla manifestazione per quattro anni, sino al 2013, con una pedalata che si è svolta a Torino. Presto però il World Naked Bike Ride potrebbe tornare anche in Italia, dove sono tantissimi gli italiani sensibili ai problemi ambientali e amanti della bici, pronti a lasciare a casa ogni inibizione per una giornata diversa.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti