19 ottobre 2016, l’Italia atterra su Marte

Tra pochi giorni assisteremo ad un evento unico. Il 19 ottobre è previsto l'atterraggio del lander Schiaparelli lanciato nello spazio lo scorso marzo

Fonte: Pixabay

Tra pochi giorni sarà possibile assistere a qualcosa di grandioso per le sorti dell’umanità futura. Il tono è un po’ pretenzioso, è vero, ma in effetti quello che avverrà il prossimo 19 ottobre è un sogno che si avvera. Gli appassionati di spazio, di fantascienza e di astronomia andranno in tilt. Verrà portato avanti un esperimento spaziale di grande rilevanza per questi anni: il progetto ExoMars.

ExoMars è una missione spaziale di tipo esplorativo che prende in considerazione il pianeta Marte. Il progetto è stato sviluppato da due agenzie spaziali importantissime: la prima è la ESA, l’Agenzia Spaziale Europea e la seconda è la Roscosmos, ovvero l’Agenzia spaziale russa. Sono previsti il lancio e l’arrivo di un satellite orbitale sul suolo del pianeta rosso.

Un progetto lungo anni

ExoMars è composto di due missioni: una prima è cominciata lo scorso 14 marzo, con il lancio del satellite orbitale e del lander Schiaparelli dal cosmodromo di Bajknomur in Kazakistan. La seconda, prevista per il 2020, ha come obiettivo il lancio di un rover per Marte. Lo scopo del progetto è quello di verificare la presenza di biotracce sul pianeta, per studiare altre potenziali forme di vita.

Il 19 ottobre è previsto l’arrivo del satellite della prima missione. Questo, che è in particolare un Trace Gas Orbiter (TGO) dovrà mappare tutto il territorio del pianete rosso alla ricerca di metano, vapore acqueo ed altre sostanze gassose. Nel frattempo, lo Schiaparelli, che è un lander, dovrà cercare di atterrare e posizionarsi sul suolo.

C’è vita su Marte?

Il progetto ha una portata mondiale, anzi, universale. ExoMars ha la durata di ben 4 anni e si inserisce in un elenco di altri progetti simili molto lunga. Dagli anni del primo lancio satellitare ne sono cambiate di cose. Era il 1957 quando l’Unione Sovietica lanciò lo Sputnik 1 nello spazio sempre dal cosmodromo di Bajknomur, allora parte dell’URSS.

Da allora c’è stata una corsa allo spazio senza pari. Ancora oggi si cercano di incrementare sempre di più i progetti che hanno come scopo lo studio e l’esplorazione spaziale. Non più soltanto verso la Luna, ma ci spingeremo sempre più lontani, verso pianeti che abbiano le stesse caratteristiche della Terra.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti