5 ore al giorno: questo il tempo che passiamo al cellulare

Le app più gettonate sono social network, foto e video e videogiochi: si fa sentire anche il peso della pandemia

Fonte: 123rf

Secondo gli ultimi dati dalla piattaforma  “App Annie“, ognuno di noi passa in media circa 5 ore al giorno guardando il proprio smartphone: una totale non indifferente, che nel 2021 è cresciuto in tutto il mondo. Il tempo che passiamo sullo smartphone lo utilizziamo infatti per la maggior parte controllando le applicazioni: a farla da padrone, come è immaginabile, i social network, le app di foto e video e i videogiochi.

L’app più scaricata è stata TikTok, seguita da Instagram, Facebook e WhatsApp, ma in classifica c’è anche Zoom e CapCut, una app per il video editing. Tra i giochi più usati nel mondo PUBG Mobile, Roblox e Candy Crush Saga.

In Italia le app più scaricate (non quelle più utilizzate) sono state PosteID, IO, VerificaC19, Immuni: tutte collegate alla pandemia. Spunta però anche la piattaforma di compravendita dell’usato Vinted. Per quanto riguarda le app più usate, in Italia vince WhatsApp seguito da Facebook, Instagram e Messenger, ma tra le prime dieci troviamo anche Amazon, Spotify e Netflix.

Chiaramente scelta e utilizzo delle app cambiano in base all’età: i nati fra il 1997 e il 2010 (la cosiddetta Gen Z) preferiscono app social e video, i Millenial (i nati fra il 1981 e il 1996) la messaggistica, la Gen X (chi è nato fra 1965 e il 1980) non sembra avere preferenze specifiche.

Al di là delle app che scegliamo di consultare, passiamo sicuramente molto tempo rivolti al nostro smartphone: una frazione di quel tempo è sicuramente anche dedicato al lavoro, ma questi dati parlano chiaro, ci sono anche molti social network, app di messaggistica e di intrattimento vario nel mezzo.

Ricordiamo che l’uso massiccio dello smartphone non fa bene alla salute, soprattutto dei più giovani: può causare cali di attenzione, dovuti anche alla mancanza di sonno, ma anche problemi di vista, dolori articolari e muscolari. Ovviamente tutto questo nasce dall’abuso dello strumento e non da un uso normale: come dicevano gli antichi, molto più saggi di noi, in medio stat virtus.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti