0, 1, 0, 0, 0, 0, 0 trend

53 anni ma ne dimostra 23: come ha ringiovanito la sua pelle

Un metodo che potrebbe essere utile nella guarigione di vittime di ustioni.

11 Aprile 2022
Fonte: 123rf

Un team del Babraham Institute di Cambridge ha ringiovanito con successo le cellule della pelle di una donna di 53 anni in modo che sembrino e si comportino come quelle di una 23enne.

Il team, come riporta il sito Insider.com, aveva inizialmente deciso di creare cellule staminali embrionali, che possono dividersi in qualsiasi tipo di cellula del corpo, utilizzando cellule adulte. La vincitrice del premio Nobel Shinya Yamanaka, ricercatrice dell’Università di Kyoto in Giappone, ha trasformato per la prima volta le cellule “normali” che hanno una funzione specifica in cellule staminali nel 2006.

La BBC ha riferito del biologo molecolare tedesco Wolf Reik, della studentessa post-dottorato Diljeet Gill e di un team del Babraham Institute basato sul lavoro di Yamanaka. Yamanaka ha coltivato cellule staminali esponendo cellule adulte a quattro molecole per circa 50 giorni, un metodo unico che ha chiamato iPS. Il team di Reik e Gill ha esposto le cellule della pelle alle stesse molecole per soli 13 giorni, quindi le ha lasciate crescere in condizioni naturali.

Studiando la produzione di collagene nelle cellule, i ricercatori hanno scoperto che i cambiamenti legati all’età sulle cellule della pelle sono stati rimossi e hanno temporaneamente perso la loro identità. Dopo essere cresciute in condizioni normali per un periodo di tempo, i ricercatori hanno scoperto che le cellule hanno ricominciato a comportarsi come cellule della pelle.

Il team ha quindi misurato i cambiamenti biologici legati all’età nelle cellule riprogrammate e ha scoperto che le cellule corrispondevano al profilo di quei 30 anni più giovani per fare riferimento ai set di dati, ha affermato Gill in un comunicato.

“Ricordo il giorno in cui ho ricevuto i risultati e non credevo del tutto che alcune cellule fossero 30 anni più giovani di quanto avrebbero dovuto essere”, ha detto Gill alla BBC. “È stata una giornata molto emozionante”.

La ricerca è stata condotta in un laboratorio e Reik ha detto alla BBC che il team non può portare la tecnica in una clinica perché la tecnica utilizzata per ringiovanire le cellule ha il potenziale per aumentare il rischio di cancro, probabilmente a causa della creazione di cambiamenti genetici duraturi all’interno delle cellule.

Ma il biologo ha affermato che il metodo di ringiovanimento delle cellule potrebbe aiutare ad accelerare i tempi di guarigione nelle vittime di ustioni e potrebbe eventualmente prolungare la vita umana.

“Alla fine, potremmo essere in grado di identificare i geni che ringiovaniscono senza riprogrammare e mirare specificamente a quelli per ridurre gli effetti dell’invecchiamento”, ha affermato Reik in un comunicato stampa.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti