8 cimeli di star del pop trovati in luoghi assurdi

Cestini del pane, armadi, cantine, cassetti dei calzini: cercate bene in questi posti, perché potreste trovare oggetti dall’inestimabile valore

A quanti di voi è mai capitato di ritrovare alcuni oggetti del passato in posti assurdi? Sicuramente a tanti, e fidatevi: succede anche alle star.

La casa nasconde, ma non ruba. Questa massima non è valida solo per gli occhiali o le chiavi di casa, ma anche per i cimeli meravigliosi delle star del pop e del rock più famose al mondo. Pensate di fare un trasloco e trovare dentro un cestino del pane un disco con la prima canzone mai cantata da David Bowie: è quanto accaduto a David Hadfield, il batterista dei Konrads. Il musicista aveva suonato insieme a Bowie 55 anni prima, quando il Duca Bianco era uno sconosciuto e faceva parte del gruppo. Dopo quella demo, ha lasciato la band. Il nome del singolo? “I never dreamed”.

Un ragazzo fan della Motown era invece andato a una vendita immobiliare e aveva acquistato per 50 centesimi alcuni vecchi LP di un musicista che era stato sotto contratto con l’etichetta discografica. Tornato a casa si è messo ad esaminarli, e dalla copertina di uno dei dischi è uscito nientemeno che il passaporto della leggenda del soul, Marvin Gaye. Il documento è stato rilasciato nel 1964, lo stesso anno in cui ha pubblicato “How Sweet It Is (To Be Loved By You)”.

Quando ha lanciato la sua carriera da solista, Noel Gallagher aveva deciso di pubblicare due album. Uno di questi doveva essere in collaborazione con il duo “Amorphous Androgynous” ma, per problemi vari, alla fine non si è concretizzata. L’LP però, esiste ancora, perché a distanza di anni Noel lo ha ritrovato in un cassetto dei calzini. Per adesso però, non ha intenzione di diffonderlo.

Mentre stava sistemando l’armadio, un uomo di nome Mike Hoggard ha ritrovato un paio di pantaloni di pelle che gli erano stati prestati da Paul McCartney cinquant’anni prima, quando i Beatles non erano ancora famosi.

C’è stato un periodo in cui un disperato Bono Vox, quando suonava con gli U2 a Portland, nell’Oregon, chiedeva ai fan a inizio concerto se avessero visto la valigetta che gli era stata rubata in un nightclub nel 1981. Questa conteneva fotografie, documenti e, soprattutto, canzoni in stesura. La valigetta misteriosa era stata in realtà ritrovata nella soffitta di una casa in affitto da una donna di nome Cindy Harris che, dopo varie peripezie, è riuscita a restituire il maltolto. Tranne la valigetta: al marito di Cindy piaceva e se l’è tenuta.

Per quarant’anni, una donna di nome Noreen Bender ha conservato alcuni oggetti che erano stati rubati dal furgone di Patti Smith nel 1979, tra cui un top indossato dalla cantante sulla rivista Rolling Stone e un fazzoletto appartenuto al fratello deceduto. Alla fine, glieli ha restituiti. Meglio tardi che mai.

Il primo furgoncino non si scorda mai. Peccato che il van degli Aerosmith era misteriosamente scomparso negli anni ’70 e non se ne erano avute più notizie. È stato ritrovato per caso qualche tempo fa in un terreno nel Massachusetts.

Sistemare la cantina e trovare la prima sinfonia scritta da Mozart a nove anni. È quanto accaduto in Danimarca, anche se ci sono sempre stati dubbi sull’autenticità del manoscritto.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti