A 97 anni racconta Auschwitz su TikTok

Un'anziana signora inglese, Lily Ebert, racconta su TikTok il dramma della Shoa, perpetuando la memoria tra i suoi giovanissimi follower

5 Gennaio 2022
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: Getty Images

I social network vengono utilizzati in tutto il mondo per i fini più disparati: dalla diffusione di contenuti divertenti al marketing più sfrenato, le loro possibilità sono immense. Ed è per questo che c’è una anziana donna inglese che ha deciso di utilizzare TikTok per tener vivo qualcosa di estremamente importante: la memoria dell’olocausto.

Questa è la scelta di Lily Ebert, 97-enne inglese di origine ungherese sopravvissuta alla Shoa, che ha raggiunto 200mila follower con i suoi racconti riguardanti la deportazione degli ebrei e la testimonianza di una delle più grandi tragedie che hanno colpito l’umanità.

No, ad Auschwitz non c’erano i fiori. Ma una cosa è sicura. Se ci fossero stati dei fiori, li avremmo mangiati”, ha raccontato al suo giovanissimo pubblico, che giorno per giorno ascolta le sue parole, tanto da averle fatto raggiungere la cifra di un milione e 200mila follower.

L’idea è venuto al nipote di Lily, il diciassettenne Dov Forman. Il ragazzo aveva trovato una foto di una vecchia banconota con su la scritta “L’inizio di una nuova vita. Buona fortuna e felicità”. Si trattava dell’augurio che un soldato statunitense, Hyman Schulman, aveva lasciato alla sua bisnonna dopo la liberazione dai campi di concentramento.

La signora Ebert era arrivata ad Auschwitz nel 1944, nel corso delle deportazioni degli ebrei ungheresi, insieme al resto della sua famiglia. La madre Nina, il fratello Bela e la sorella minore Berta sono morti nelle camere a gas, mentre Lily e le altre sorelle Renee e Piri furono messe a lavorare nel campo, prima di essere trasferite in una fabbrica di munizioni di Lipsia. Un altro fratello, Imri, è sopravvissuto a sua volta all’olocausto.

Ho promesso a me stessa che se miracolosamente fossi sopravvissuta, avrei raccontato al mondo cosa accadeva lì”, è stato quello che ha pensato Lily in quei momenti terribile, quando ha vissuto da vittima una drammatica pagina della storia dell’umanità. E, grazie a TikTok, il suo racconto continua giorno per giorno, a tanti anni di distanza. Per non dimenticare mai.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti