0, 1, 0, 0, 0, 0, 0 trend

A Milano il primo semaforo detective: di cosa si tratta?

I provvedimenti si inseriscono nell'ambito del progetto dedicato alla sicurezza sulle strade

5 Agosto 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

A Milano arrivano le telecamere intelligenti. Il che vuol dire che presto, probabilmente, la tecnologia potrà rimpiazzare i disegni dell’incidente all’incrocio nelle constatazioni amichevoli o la ricerca del testimone al tamponamento dello svincolo.

Come riporta MilanoCorriere, nei giorni scorsi è stato installato un nuovo sistema di rilevamento delle infrazioni del passaggio con il semaforo rosso. Dove? Sulla Provinciale 13 Monza-Melzo all’intersezione tra via Lussemburgo e via Sant’Elia, sia in direzione Liscate che di Gorgonzola.

Si tratta di un dispositivo accompagnato da segnaletica, a basso impatto ambientale e dotato di una tecnologia che riesce a documentare in modo chiaro tutta la dinamica della violazione e dell’eventuale incidente, riportando le immagini dei momenti precedenti e successivi all’infrazione. Il sistema si attiva solo dopo una perizia che certifica la durata del giallo.

Il prossimo semaforo di questo tipo smart verrà installato in tempi brevi sulla Provinciale 34 per Turbigo all’intersezione della Provinciale 117 Robecco – Bienate – e via Guglielmo Marconi nel centro di Buscate. Questi provvedimenti vogliono aumentare la sicurezza di tutti coloro che ogni giorno battono le strade del milanese.

Stando ai dati elaborati da Polis Lombardia, solo nel 2019 il territorio di Città Metropolitana di Milano ha registrato 13.607 incidenti con 18.097 feriti e 106 morti. Un triste bilancio, ma d’altronde stiamo parlando dell’area più congestionata in Italia per la concentrazione di attività produttive e volumi di traffico giornaliero. A livello europeo, invece, è una delle dieci zone a maggiore intensità di traffico.

L’obiettivo di Vision Zero è non avere più vittime sulle strade entro il 2050, considerato (sempre secondo i dati del 2019) che in un anno 258 scontri avvengono in prossimità degli incroci stradali. Un deterrente che si spera possa avere l’efficacia delle telecamere installate nelle piazzole di sosta, che hanno quasi azzerato l’abbandono di rifiuti illeciti, soprattutto in direzione Malegnano e sulla paullese. Da poco, infine, sono stati installati altri 16 dispositivi sempre per la salvaguardia dell’ambiente: 10 nel comune di Carpiano, 3 a Pieve Emanuele, 2 a Basiglio e 1 a Lacchiarella.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti