A Pechino il cielo torna blu dopo 6 giorni di allerta smog

L'inquinamento atmosferico ha toccato un terzo della popolazione

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Pechino, 22 dic. (askanews) – Il cielo è tornato di colore blu, questa mattina a Pechino, dopo quasi una settimana in cui la capitale cinese soffocava sotto una cappa di smog grigiastro.
L’allarme rosso per lo smog, oltre a Pechino, ha riguardato anche altre 27 metropoli cinesi, con un terzo della popolazione complessiva del Paese.

Il massimo livello di allarme comporta la chiusura delle scuole, lo stop o la riduzione della produzione nelle fabbriche, circolazione stradale alternata, interruzione dei cantieri.

La nube tossica di smog ha raggiunto quest’anno proporzioni gigantesche, coprendo una superficie totale di 1,88 milioni di chilometri quadrati, pari a sei volte la superficie dell’Italia, e coinvolgendo la vita e la salute di 460 milioni di persone, circa la popolazione dell’intera Unione europea.

L’inquinamento atmosferico in Cina è causato principalmente dalla combustione del carbone utilizzato per il riscaldamento e per la produzione di energia elettrica, i cui consumi aumentano in inverno. Nella città di Pechino la conversione della caldaie a carbone con apparecchi a gas è cominciata nel 2010.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti