Abbiamo trovato l’acqua nello spazio (ma in un’altra galassia)

Grazie a un radiofrequenzimetro nel deserto del Cile ci sono le prove che esiste acqua ad anni luce dalla Terra.

8 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Lo spazio da sempre affascina l’uomo e, grazie alle tecnologie sempre più avanzate di cui disponiamo anche le nostre conoscenze si approfondiscono. Gli studiosi, per esempio, sono da anni alla ricerca di tracce di vita e di acqua al di fuori del pianeta Terra. Ora, finalmente, pare essere arrivata la svolta che gli scienziati si auguravano. Ci sarebbe, infatti, acqua nello spazio ma si trova in un’altra galassia.

A localizzare alcune molecole di acqua – o meglio, dei suoi componenti: idrogeno e ossigeno – è stata l’Università dell’Illinois. Gli astronomi al lavoro sul progetto hanno utilizzato il radiofrequenzimetro ‘Atacama Large Millimeter Array (ALMA)’, situato nel deserto cileno. E grazie a questo sofisticato strumento l’acqua è stata rintracciata in una galassia molto lontana da noi. Si chiama SPT0311-58 ed è lontana dalla Terra circa 12,8 miliardi di anni luce.

Questa galassia, quindi, è esistita quando il nostro universo era ancora giovane (‘solo’ 780 milioni di anni). La scoperta è particolarmente importante perché dimostra come il sistema contenesse già strutture molecolari complesse. Come riferisce esquire, le osservazioni in alta risoluzione effettuate con ALMA hanno permesso di riconoscere gas con molecole di acqua e monossido di carbonio.

Come spiega ancora Sreevani Jarugula, autore della ricerca, ossigeno e carbonio sono elementi di prima generazione e quindi fondamentali per la vita. Il cammino per conoscere lo spazio immenso che sta attorno alla Terra è, ovviamente, ancora lungo da percorrere e non potrà che riservare nuove sorprese. L’importanza di questo ennesimo piccolo ma grande passo nella giusta direzione aggiunge un altro tassello a un quadro in costruzione.

Più che all’individuazione di eventuali presenze aliene, lo studio di Jarugula e del suo team ci avvicina a capire quale possa essere stata l’origine della vita.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti